Concorsi, a domiciliari due docenti

Share

Chissà quanti studenti irpini sono stati esaminati da questi docenti, nel corso dei loro studi universitari.

Secondo quanto spiegato, le indagini sono partite dal presunto tentativo da parte di alcuni professori universitari di indurre un ricercatore, candidato al concorso per l'abilitazione scientifica nazionale all'insegnamento nel settore del diritto tributario, a ritirare la propria domanda, allo scopo di favorire un altro ricercatore, in possesso di un curriculum notevolmente inferiore, promettendogli in cambio l'abilitazione nella tornata successiva.

La Procura di Firenze ha diretto le indagini sfociate nell'ambito dell'operazione della Guardia di Finanza "Chiamata alle Armi": oltre 500 fiamme gialle hanno eseguito in tutta Italia la vasta operazione di polizia giudiziaria, nell'ambito della quale ai domiciliari sono finiti 7 docenti universitari, mentre altri 22 sono stati interdetti allo svolgimento delle funzioni di professore universitario e di quelle connesse ad ogni altro incarico assegnato in ambito accademico per la durata di 12 mesi.

Oltre 150 le perquisizioni domiciliari eseguite presso uffici pubblici, abitazioni private e studi professionali.

Lo scrive il Corriere della Sera, secondo il quale Fantozzi sarebbe tra i sette indagati per i quali "i pm della procura fiorentina Paolo Barlucchi e Luca Turco hanno chiesto l'interdizione e il gip, Antonio Pezzuti, si è riservato la decisione dopo l'esito dell'interrogatorio, che verrà fissato nei prossimi giorni". Presidente della Commissione Bilancio della Camera dei deputati durante la XIII legislatura, Fantozzi è diventato, nel 2008, commissario straordinario di Alitalia su indicazione del governo Berlusconi.

I sette professori destinatari di misura cautelare ai domiciliari sono Guglielmo Fransoni, residente a Roma, tributarista e professore a Foggia, Fabrizio Amatucci, professore a Napoli, Giuseppe Zizzo, della libera università Carlo Cattaneo di Castellanza (Varese), Alessandro Giovannini dell'università di Siena, Giuseppe Maria Cipolla dell'università di Cassino, anche lui residente a Roma, Adriano Di Pietro dell'università di Bologna, Valerio Ficari, ordinario a Sassari e supplente a Tor Vergata a Roma. Ci sono anche docenti indagati per i quali il gip ha rigettato la richiesta di misure cautelari. Roberta Giuseppina Antonietta Alfano, Angelo Contrino, Manlio Ingrosso, Giuseppe Marini, Andrea Mondini, Maria Pia Nastri, Giovanan Petrillo, Claudio Sacchetto.

"Il professore sarà lieto di fornire tutti i chiarimenti necessari nell'incontro con i magistrati, che auspica possa avvenire il prima possibile".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.