Chikungunya, l'assessore: "Il focolaio non è a Roma ma ad Anzio"

Share

Chikungunya, l'assessore:

"Di questi 54 sono i casi che hanno residenza ad Anzio o che hanno soggiornato nei 15 giorni precedenti ad Anzio, 7 casi sono a Roma e 3 casi sono a Latina".

"Sono 64 i casi accertati dal Seresmi (Servizio Regionale di Sorveglianza Malattie Infettive) ad oggi di Chikungunya".

"Il focolaio - afferma Montanari - non è a Roma ma ad Anzio". "Per noi - continua - parlano i numeri: Roma, con 2.875.364 abitanti ha subito 6 casi di contagio". "Ci lasciano sconcertati le sue parole: intervistato dal Tg5 sul caso chikungunya".

La Regione Lazio chiede ai Comuni interessati di intensificare l'azione di contrasto ai vettori e per questo motivo ha convocato lunedì prossimo i rappresentanti di Roma Capitale e delle altre amministrazioni interessate, Latina e Anzio, proprio per verificare l'azione di disinfestazione messa in atto fin qui. "La Regione Lazio ha richiesto, inoltre, l'intervento dei tecnici dell'Istituto Superiore di Sanità per verificare le metodologie finora adottate". Lo scopo: quello di appurare le misure di prevenzione e di trasmissione del virus Chikungunya emanate dal Centro Trasfusionale Sangue. Decisione necessaria per compensare le carenze di sangue dovute alla prescrizione interessanti le Asl RM2 e il Comune di Anzio. Donatori di sangue Roma Est, Ematos Fidas, Avis Comunale Roma, CRI Roma. In essa si avvertono i viaggiatori su come comportarsi. Si tratta, informa il comune, del primo di tre interventi di disinfestazione previsto in seguito alla manifestazione in citta' di un caso sospetto del trasmesso da zanzare del genere Aedes, la cosiddetta zanzara tigre. Per chi ha in programma viaggi nel nostro paese sottolinea il documento, è bene "evitare il contatto con le zanzare usando un abbigliamento corretto e i repellenti, la malattia si verifica di solito in Africa, Asia e Americhe, oltre che nel subcontinente indiano" aggiunge l'Oms.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.