Cantiere Calabria, Minniti: 'Spendere i fondi europei con passione e integrità'

Share

Cantiere Calabria, Minniti: 'Spendere i fondi europei con passione e integrità'

E lo sono anche perché', mai come oggi, i destini dell'Italia e della Calabria sono così profondamente intrecciati. La seconda ragione per cui sono contento è che noi calabresi siamo come le minoranze etniche: molto coesi quando siamo fuori e meno coesi quando siamo in Calabria. Perciò, dobbiamo fare uno sforzo e passare dall'identità della minoranza etnica alla volontà di rappresentare un pezzo grande dell'Italia. Il ministro Minniti ha saputo, ancora una volta, lasciare il segno: declinando la Calabria come avamposto di un'Europa e di un'Italia evidentemente proiettate verso le sfide della modernità, con un piglio propositivo ed analitico da autentico protagonista dello scenario politico. Lo ha detto il ministro dell'Interno Marco Minniti intervenendo alla giornata conclusiva di Cantiere Calabria, evento organizzato dalla Regione, per rendere note le attività poste in essere dalla giunta regionale. "L'Africa è lo specchio dell'Europa e non solo dell'Italia, e se l'Africa sta bene, starà bene l'Europa e la condizione di questa regione è di importanza strategica nazionale, non pensiamo solo alle nostre piccole cose". Il punto cruciale è puntare sugli elementi positivi. Da oggi parte la fase della realizzazione che deve tenere insieme "due parole chiave, lavoro e legalità".

In questo contesto, riferendosi, ai nove miliardi di euro di risorse da investire, Minniti ha detto che rappresentano una sfida straordinaria. "Creare lavoro è l'obiettivo primario che dobbiamo avere - ha continuato -". Anche in questo, "se la Calabria dimostrerà che si possono spendere i soldi presto e con trasparenza avrà vinto una battaglia nazionale". La 'ndrangheta costituisce oggi il principale nemico allo sviluppo della Calabria.

Al centro del Mediterraneo. Ringraziamo parti sociali e operatori economici, analisti e docenti universitari e tutti coloro hanno qualificato un evento che ha reso visibili ai più gli importanti risultati dell'azione della Regione. Il nostro compito è conservarla e valorizzarla. "Se l'Africa sta bene, l'Europa starà bene, se l'Africa sta male, l'Europa starà male". Non dobbiamo avere paura di mettere in campo gente che puo' anche essere migliore di noi. Il Ministro dell'Interno, concludendo, ha ribadito che per realizzare certi obiettivi la politica "deve operare senza pensare al consenso". Ha sostenuto Marco Minniti.

Bellezza, sicurezza, lavoro. Sono le direttrici indicate dal ministro dell'Interno, Marco Minniti, nel corso del suo intervento a Cantiere Calabria a Rende. Dobbiamo partire dal progetto forte presentato oggi, che si realizza solo se cresce la fiducia del popolo calabrese. "Ma prima di ogni cosa, prima delle appartenenze, prima dei partiti, prima degli schieramenti, la nostra bussola deve essere la Calabria - sottolinea Oliverio - Abbiamo la responsabilità di condurre questa terra dal pantano in cui è stata spinta da decenni di assoluta inadeguatezza della classe dirigente". Siamo in un mondo dove c'è un gigantesco logoramento delle parole. "Bisogna comprendere - ha concluso - che ormai "le parole si sono logorate".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.