Bimba di 4 anni vittima della malaria

Share

Bimba di 4 anni vittima della malaria

Si sa che altri due casi di malaria si erano verificati nel recente passato, che però avevano avuto un decorso positivo. Le terapie sono state somministrate subito e la bimba è stata trasferita a Brescia, ma non è servito. "Il decesso si è verificato a causa di un danno cerebrale", ha spiegato il direttore generale degli Spedali Civili di Brescia Ezio Belleri. Nei casi più gravi la morte può arrivare entro 24 ore.

Lo ha annunciato lo stesso ministero in una nota: "Del gruppo", si legge nel documento, "faranno parte anche esperti di malattie infettive e tropicali ed esperti dell'Istituto zooprofilattico". I genitori: mai stati in Paesi a rischio, solo in vacanza a Bibione.

"Con i servizi di veterinaria e igiene pubblica cercheremo di comprendere le ragioni del caso, andrà fatta un' indagine".

Se venisse confermato che il caso è autoctono e trasmesso dalla zanzara, sarebbe il primo in Italia da oltre trent'anni. In Italia la malaria è scomparsa tra la fine degli anni '40 e l'inizio degli anni '50. Il ministro Lorenzin al posto di gettare nel caos le nostre famiglie e le nostre scuole obbligando i nostri bambini ad una serie di inutili vaccini, perché invece non si occupa di bloccare sul nascere il diffondersi di malattie che da noi erano scomparse come appunto la malaria? Per ora comunque non c'è nessuna certezza, ma nel reparto di pediatria dell'ospedale trentino ci sarà una disinfestazione.

Una notizia di cronaca allarmante arriva da Brescia dove una bimba di soli 4 anni ha perso la vita probabilmente per malaria. Una bimba di 4 anni è stata stroncata dalla patologia. E' ancora da capire come la bambina abbia contratto la malaria.

Panico a Trento per la malaria. La bambina era in cura in un nosocomio di Brescia e sembra non fosse stata all'estero. "Si tratta di una bambina trentina le cui condizioni sono gravi", riporta online il quotidiano Trentino. "È un caso criptico, rarissimo", ha detto all'Agi il responsabile del Dipartimento di Malattie Infettive dell'Istituto Superiore di Sanità, Giovanni Rezza.

Può accadere che una zanzara riesca a sopravvivere a un viaggio transcontinentale e colpire qualcuno che lavora o vive in prossimità dell'aeroporto, ma allo stato non risulta possibile nulla di tutto questo.

Vari scienziati hanno evidenziato la comparsa di forme animali e pesci (tra cui insetti, etc) non autoctoni, che hanno origini tropicali e che nel nostro Paese stanno trovando un clima ideale, le cui larve sopravvivono anche agli inverni ormai non così rigidi.

La Procura di Trento aprirà un'inchiesta per omicidio colposo per accertare se nel reparto di pediatria di Trento dove Sofia era stata ricoverata siano state eseguite correttamente tutte le procedure.

Nella giornata di ieri era stata accertata la presenza, avvenuta nei giorni scorsi, di un caso di malaria in pediatria dell'ospedale Santa Chiara di Trento.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.