Bce, Draghi: "Eurozona ha ancora bisogno di sostegno monetario"

Share

Bce, Draghi:

La Banca centrale europea ha deciso di mantenere invariati al minimo storico i tassi di interesse, tenendo fermo a zero il tasso di rifinanziamento principale, a -0,40% quello sui depositi e a 0,25% il tasso marginale.

Una decisione, quella presa al termine della due giorni di politica monetaria della Bce, già ampiamente prevista dai mercati.

Resta invariato, al ritmo di 60 miliardi di euro al mese, anche il Quantitative Easing (QE), e così sarà almeno fino alla fine di dicembre 2017. Nel caso in cui la BCE decidesse di avviare l'exit strategy, Mario Draghi si troverebbe probabilmente ad anticipare un nuovo round di misure restrittive, perché a quanto pare la Fed ha preso tempo per procedere con un altro rialzo dei tassi. "Se le prospettive diverranno meno favorevoli o se le condizioni finanziarie risulteranno incoerenti con ulteriori progressi verso un aggiustamento durevole del profilo dell'inflazione, il consiglio direttivo è pronto a incrementare il programma in termini di entità e/o durata". La recente volatilità del tasso di cambio "va monitorata per le sue implicazioni sulla stabilità dei prezzi nel medio termine".

(Ultime Notizie - Ultim'ora di giovedì 7 settembre 2017) Sul futuro del Qe oggi il direttivo ha "discusso vari scenari ma in modo molto preliminare, piuttosto che delle opzioni o delle decisioni politiche" ha detto il presidente della Bce Draghi. Le precedenti stime davano l'1,9% quest'anno. L'attuazione delle riforme strutturali deve essere sostanzialmente intensificata per aumentare la resilienza, ridurre la disoccupazione strutturale e aumentare il potenziale di crescita e la produttività dell'area dell'euro - ha detto Draghi -. La prima banca tedesca ha recentemente sottolineato che, nonostante il rafforzamento dell'euro, sono sempre più evidenti i segni di bolle che stano moltiplicandosi in diversi settori. "Rafforzare l'Unione economica e monetaria rimane una priorità", ha concluso Draghi.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.