Usa, Fbi ha perquisito abitazione ex responsabile campagna Trump

Share

Usa, Fbi ha perquisito abitazione ex responsabile campagna Trump

Non si placa lo scandalo Russiagate.

Con un raid compiuto prima dell'alba a fine luglio agenti della FBI hanno sequestrato documenti e altri materiali dalla casa in Virginia di Paul Manafort, ex responsabile della campagna del presidente Usa Donald Trump, nell'ambito dell'inchiesta di un consiglio speciale su possibili ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016. Gli investigatori che hanno perquisito l'abitazione cercavano documenti fiscali e dati bancari esteri, ha riferito il New York Times dopo che il portavoce di Manafort, Jason Maloni, ha confermato la perquisizione. La perquisizione è avvenuta il 26 luglio scorso, all'indomani quindi della sua deposizione, a porte chiuse, di fronte alla commissione intelligence del Senato, ma è stata rivelata solo oggi dal Washington Post.

Il mandato di perquisizione - riporta il Washington Post - "potrebbe essere un messaggio all'ex manager della campagna di Trump perché non si aspetti trattamenti di favore da parte della squadra" di Robert Mueller, il procuratore speciale per le indagini sul Russiagate.

Mueller - capo dell'indagine - sta aumentato la pressione legale di Manafort raccogliendo sotto la sua autorità tutta una serie di indagini in vari aspetti sia personali che professionali.

Fonti della Casa Bianca, citate dalla Washington Post, sottolineano un po' stizzite che "se l'Fbi voleva certi documenti, sarebbe stato sufficiente chiederli perché Manafort li avrebbe consegnati senza problemi".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.