Strage di cristiani in Centrafrica: sgozzate cinquanta persone

Share

Strage di cristiani in Centrafrica: sgozzate cinquanta persone

Gli islamisti hanno assalito l'ospedale della Croce Rossa dove si trovavano tante persone in visita e medici volontari, tutti cristiani.

Non si ferma la strage di cristiani, in particolare nel continente africano, l'ultima è avvenuta a Gambo, piccolo villaggio del centrafrica a circa 75 km di distanza dalla città di Bangassou. Sarebbero stati i miliziani islamisti Seleka, che hanno rivendicato l'attacco come vendetta, per l'intervento dell'Onu in seguito alle incursioni di combattenti non musulmani nel loro territorio. Purtroppo i dati che arrivano sono sconcertanti, infatti si parla di circa 50 morti tra bambini, donne e anziani ma ancor più sconcertante è il metodo utilizzato, infatti le vittime sono state sgozzate.

Nei messaggi che il monsignor Juan Josè Aguirre invia al fratello Miguel, spiega la tragedia che si è appena consumata. Tra le vittime anche sei volontari della Croce rossa. In parte sta già accadendo. "Nel villaggio di Gambo sono arrivate le milizie cristiane anti-balaka, che sono riusciti ad allontanare i miliziani musulmani seleka, però lunedì sono entrati i soldati egiziani della Minusca che hanno mandato via gli anti-balaka e così i seleka sono tornati e hanno tagliato una decina di gole". Bergoglio ha detto che è giunto il tempo di mettere fine a "questi crimini vergognosi".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.