Parto prematuro in casa, neonata muore poche ore dopo al Salesi

Share

Parto prematuro in casa, neonata muore poche ore dopo al Salesi

Ieri invece la bimba è nata prematura in casa, con l'assistenza del padre.

Il parto era stato programmato nel paese di origine della madre da dove la donna era da poco rientrata. L'obiettivo è escludere eventuali responsabilità da parte dei genitori della bimba o appurare se vi siano state negligenze. Le doglie del tutto inaspettate, sono cominciate alle 5 di mattino in anticipo di un mese rispetto al termine, dopo una gravidanza fisiologica. Il parto è avvenuto con la sola presenza della coppia e sembrava che la neonata stesse bene. E' filato tutto apparentemente liscio fino al primo pomeriggio quando la neonata ha manifestato alcuni problemi respiratori che sono progressivamente aumentati di intensità. Solo però ai primi problemi della piccola i due hanno chiesto il soccorso dei medici, avvenuti dopo una decina di ore, che hanno disposto il trasporto in eliambulanza al vicino ospedale Salesi di Ancona. Nel frattempo, oltre all'autopsia, il magistrato inquirente ha disposto anche accertamenti sui tabulati telefonici della coppia.

La scelta del parto in caso è più diffusa in Germania rispetto all'Italia. Una via di solito sconsigliata dalla Società italiana di neonatologia perché definita rischiosa per la salute di madre e bambino.

Una donna ha partorito in casa senza l'assistenza sanitaria necessaria. L'autopsia sul corpicino della piccola verrà effettuata nelle prossime ore, con i genitori, lei tedesca e lui di Fabriano, che ora sono indagati per omicidio colposo.

Il disegno di legge dovrà garantire il diritto inviolabile della scelta del luogo del parto: in casa propria, presso case maternità o in ospedale cosi come indicato chiaramente anche dall'Oms, in condizioni di assoluta sicurezza.

I numeri ufficiali del 2015 contano 500 parti in casa in Italia.

E ora questa tragedia familiare non farà altro che acuire lo scontro culturale tra le parti.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.