Com'è andato il primo turno di Serie A con il VAR

Share

Com'è andato il primo turno di Serie A con il VAR

La risposta a queste domande analizzando i match in cui è stato utilizzato ieri è "decisamente si". Questo lavoro ha un obiettivo ben preciso: avere un calcio più giusto ed eliminare errori importanti- ha proseguito Rosetti- Questo è l'anno zero, sappiamo bene che ci sono situazioni da perfezionare. Minuto e secondo che resteranno nella storia del calcio italiano, così come la parata di Buffon che di fatto inibisce il Cagliari, che dagli undici metri avrebbe potuto invece riaprire la partita. "Nel dubbio bisogna far proseguire l'azione, l'arbitro invece, in questo caso, ha fischiato prima".

"Dispiace non aver vinto, - ha concluso il tecnico granata - perché volevamo dedicare la vittoria a Luca Russo, morto a Barcellona e nostro tifoso".

Il ricorso al VAR potrà avvenire sia in caso di richiesta diretta da parte dell'arbitro (indeciso su una chiamata), sia su segnalazione da parte degli assistenti qualora sia stata presa una decisione chiaramente sbagliata.

Nella prima giornata il nuovo mezzo video in supporto degli arbitri è stato sollecitato in parecchie occasioni, su quasi tutti i campi.

Solo l'arbitro o il VAR possono decidere di intervenire con la tecnologia.

A partire già dalla primissima sfida dell'anno, Juventus-Cagliari, fino ad arrivare alle sfide della domenica sera, con episodi per entrambe le milanesi e in Bologna-Torino, la tecnologia ha indubbiamente portato più serenità e garanzia nelle decisioni dei direttori di gara, anche se una defezione si è palesata nella sfida del Dall'Ara. Durante il replay a bordocampo, il gioco sarà fermo e sui maxischermi verrà segnalato che gli assistenti stanno rivedendo le immagini delle dieci telecamere aggiuntive.

Una domanda attanaglia tantissimi appassionati di sport: si dice il Var o la Var? Dopodiché, se necessario, l'arbitro si reca a bordo campo dove da un monitor vede l'azione incriminata e prende una decisione. Per essere sicuro della sua decisione consulta però il VAR che conferma: Koulibaly non disturba il portiere mentre Milik è già in aria quando Nicolas in uscita gli frana addosso. Nonostante tutto, non entra mai in scena il VAR.

INTER-FIORENTINA - Dopo tre minuti di gioco arriva il vantaggio nerazzurro per un contatto in area viola fra Astori e Icardi.

Come se non bastasse, nel secondo tempo salta per circa un quarto d'ora la comunicazione audio tra Massa e l'arbitro alla postazione VAR Orsato: scatta il piano B, comunicazione tra Orsato e il quarto uomo Baroni via walkie-talkie...

Dopo anni di discussioni, di prove, di opinioni diverse, finalmente ci siamo: la moviola scende nel campo della Serie A. Siamo primi in Europa insieme a Germania e Portogallo, dopo una piccola "prova" durante gli scorsi mondiali.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.