Calciomercato Juventus, Marotta sibillino: "Può succedere di tutto"

Share

Calciomercato Juventus, Marotta sibillino:

Beppe Marotta fa il punto sul mercato e la nuova stagione. "Abbiamo a disposizione un organico molto valido e di conseguenza andiamo avanti, anche se non prendiamo i giocatori che la piazza ci chiede", ha detto il dirigente bianconero. Sempre chiari gli obiettivi: "L'obiettivo è essere in corsa a marzo per tutti i trofei a disposizione". Esigenze? Ci sono ancora quindici giorni, può succedere di tutto. Noi siamo tranquilli e consapevoli di avere una rosa competitiva. In molti casi si è scelto di abbandonare piste che sembravano destinate ad essere battute, mentre in altre occasioni ci si è fermati ad un centimetro del traguardo. "Alex Sandro? Come sapete abbiamo già respinto offerte molto alte per lui, che è molto felice di rimanere con noi". E' finito con l'addio di Conte ma in sei anni abbiamo dimostrato di essere un modello vincente. Ma ripartiamo puntando a vincere tutte le competizioni in cui siamo in corsa.

COSI NON VA - Marotta fa poi una riflessione molto interessante in un'estate segnata da valutazioni fuori da ogni logica per alcuni giocatori: "Il mercato è davvero troppo lungo e logorante, dovrebbe chiudersi quando inizia il primo grande campionato europeo. Non si può trasformare il calcio in un Barnum con spettacoli che hanno poco a fare con il valore del gioco e con giocatori che alla prima esclusione, non si allenano e disertano gli allenamenti perche' vogliono cambiare casacca". Sul colpo di mercato più importante: "Bentancur che forse in questo momento è sottovalutato, perché è giovane, ma è un giocatore che nell'arco di questa stagione potrà trovare spazio per diventare ancora pù bravo". Neymar? Ai tempi mi sembrava una clausola altissima quella di 222 milioni, ma il Psg lo avrebbe comprato anche a 300/350 milioni. Ormai il valore dei giocatori si è alzato verso l'alto, anche se sono modesti.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.