Sabaudia, atleta con sindrome di Down salva bambina che stavano per annegare

Share

Sabaudia, atleta con sindrome di Down salva bambina che stavano per annegare

Erano circa le nove, Valerio stava facendo il bagno con la sorella Gaia, 11 anni, e il padre Gianni, nelle acque di Sabaudia, quando hanno scorto due bambine al largo, visibilmente in difficoltà.

"Un eroe coraggioso": con queste parole Giovanni Malagò ha definito Valerio Catoia, il 17enne atleta di Latina affetto da sindrome di down che mercoledì mattina a Sabaudia ha salvato una ragazzina in mare che rischiava di annegare. Padre e figlio hanno salvato dall'annegamento una bambina ciascuno.

Il giovane, infatti, non ha esitato a tuffarsi d'istinto dopo aver sentito gridare aiuto e, forte del suo allenamento e della sua abitudine al nuoto, nonostante il mare fosse mosso, ha recuperato la piccola portandola a riva. Unica nota stonata: la madre delle bambine se ne è andata senza neppure dire grazie.

"Valerio nuota da quando aveva tre anni - spiega a www.ilmattino.it il suo allenatore Roberto Cavana -".

Con coraggio Valerio, protagonista di gandi successi regionali e nazionali con la società Hyperion nei vari campionati Fisdir (Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva e Relazionale), è intervenuto mettendo in pratica quanto aveva imparato nei corsi per salvamento che aveva frequentato per soccorrere la ragazzina. A luglio dello scorso anno Valerio ha partecipato a Firenze alle prime olimpiadi mondiali con atleti affetti da sindrome di down ed ha fatto una dimostrazione di salvamento con un manichino davanti agli organi internazionali. "Mi ha raccontato il papà - ha concluso - che Valerio si è comportato con la bambina in mare eseguendo perfettamente quello che gli è stato insegnato a lezione". E non è una cosa scontata perché un conto è avere a che fare con un manichino ed un conto con una persona. Poi una volta tutti rientrati a riva i due bagnini Davide e Pierpaolo hanno abbracciato Valerio e si sono complimentati.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.