Paestum, Raffaella Esposito Alaia si tuffa e annega per salvare due ragazzi

Share

Paestum, Raffaella Esposito Alaia si tuffa e annega per salvare due ragazzi

La tragedia è avvenuta sul litorale di Capaccio, dove la donna - operatrice sociale ad Acerra - aveva accompagnato al mare un gruppo di circa 40 ragazzi. Raffaella Esposito Alaia, una operatrice sociale di 34 anni, si è tuffata per aiutarli ma è morta annegata nel mare di Paestum, in provincia di Salerno. Secondo le ricostruzioni si sarebbe tuffata, in un tratto di spiaggia libera, per aiutare due giovani ospiti della comunità in difficoltà.

Alla vista di due ragazzini in evidente difficoltà, gettatisi tra le onde di un mare insidioso per il quale era stata issata la bandiera rossa, la giovane non avrebbe esitato ad entrare in acqua per riportarli a riva. I due minori sono stati tratti in salvo anche grazie al successivo intervento del titolare e di un bagnino del vicino lido "La Gondola" allertati da altri bagnanti.

Una ragazza modello, esempio di vita e di professionalità, come si apprende dalle dichiarazioni dei conoscenti, la cui morte segna profondamente la comunità di Santa Anastasia che piange una donna dall'inestimabile valore umano e sociale. Sul posto, inviati dalla centrale del 118, i sanitari della Croce azzurra e i carabinieri della Stazione di Capaccio Scalo. Lascia due figli piccoli. Ma alcuni dei bambini della comunità di tutela per minori di Acerra, al primo giorno di vacanza, volevano fare il bagno a tutti i costi.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.