È morto il piccolo Bradley Lowery: la sua storia aveva commosso l'Inghilterra

Share

È morto il piccolo Bradley Lowery: la sua storia aveva commosso l'Inghilterra

"Il nostro piccolo eroe è volato in cielo con gli angeli oggi alle 13:55, tra le braccia di mamma e papà, circondato dall'amroe della sua famiglia". Bradley era diventata la mascotte del Sunderland, di cui era tifosissimo, e amico di Jermain Defoe che ieri si era commosso in conferenza stampa parlandone. Ha provato a combattere la sua battaglia ma di uno come lui c'era bisogno da un'altra parte. Non ci sono parole per spiegare quanto il nostro cuore sia a pezzi. Il 26 marzo il centravanti aveva accompagnato Bradley sul tappeto verde di Wembley, prima della partita contro la Lituania. Bradley ha calcato tantissimi campi di Premier League, conosciuto tantissimi calciatori e personalità del mondo del Football inglese ma la storia che lo lega a Germain Defoe è davvero speciale. Ecco allora che la presentazione del bomber classe 1982 al Bournemouth si è trasformata in un momento di grande commozione. Quando ci siamo conosciuti non potevo credere che lui fosse malato perché mi dava tanta energia e correva verso di me. Da quel momento tra noi è nato un feeling particolare. "Con lui ho una relazione del tutto personale, conoscerlo è stato speciale per me".

"Bradley lotta, ma posso dire che purtroppo è una questione di giorni prima che la malattia abbia la meglio". Sarà sempre nel mio cuore per tutta la vita. "Ogni mattina mi sveglio e controllo il telefono pensando a lui, al suo amore e all'energia che gli ho visto negli occhi". Siamo vicini alla famiglia e li aiuteremo ad andare avanti.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.