Grey's Anatomy aiuta una studentessa a salvare suo padre

Share

Grey's Anatomy aiuta una studentessa a salvare suo padre

È la stessa ragazza a raccontare alla stampa: "Stavo dormendo quando, intorno alle sei, sono stata bruscamente svegliata da mia madre, perchè il babbo, che ha 54 anni, non si svegliava e non respirava più". È successo infatti che a Montale - in provincia di Pistoia, appunto - una studentessa di 18 anni sia riuscita a salvare il padre praticando un massaggio cardiaco come appreso in precedenza in Grey's Anatomy.

Sembra di essere in una serie tv: la figlia salva il padre che sta avendo un arresto cardiaco con un massaggio cardiaco un po' improvvisato. "L'ambulanza è arrivata dopo soli 10 minuti - ha proseguito -, durante i quali ho continuato ad effettuare il massaggio cardiaco, senza fermarmi un solo secondo, assistita dall'operatore del 118 che era rimasto in collegamento telefonico". "Sono corsa in camera e l'ho trovato disteso sul letto, privo di coscienza", ha raccontato la 18enne. Succede a Pistoia, dove una ragazza 18enne che non ha mai frequentato corsi di primo soccorso, salva suo padre. La figlia compone subito il 118 e, seguendo le istruzioni dell'operatore, inizia a praticare il massaggio cardiaco. "Un modo di rendere - ha spiegato - più sicuri e tutelati i tanti momenti di agonismo e di esercizio fisico che si praticano ogni giorno nel nostro ricchissimo mondo dello sport non professionistico". La catena dei soccorsi è quindi proseguita - riferiscono gli operatori sanitari - con l'esecuzione dell'elettrocardiogramma e la sua tele-trasmissione al medico della cardiologia dell'ospedale San Jacopo di Pistoia. Raggiunto l'ospedale, è stato necessario intervenire con un'angioplastica coronarica che ha permesso di riaprire l'arteria responsabile dell'arresto cardiaco. In fondo non si può mai sapere cosa riserva il futuro, mentre il passato è ben chiaro: la prontezza della ragazza gli ha salvato la vita e i medici di Grey's Anatomy sono stati degli ottimi maestri.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.