F1: Kubica effettuerà il secondo test al Paul Ricard

Share

F1: Kubica effettuerà il secondo test al Paul Ricard

E' incredibile se pensiamo che 6 anni fa il pilota polacco ha rischiato di morire in un incidente in una gara di rally, infortunandosi gravemente il braccio destro. Ottimi tempi sul giro, migliori addirittura del tester Sergej Sirotkin ma soprattutto una tenuta fisica impressionante: 115 giri proprio quelli che servivano per ottenere nuovamente la super licenza. Una prova andata talmente bene che i media lo avevano già inserito in lista d'attesa per un possibile ritorno in F1, stavolta da pilota ufficiale. "Perché sono molto realistico, e sto tenendo i piedi per terra, ma ora l'avrei messo all' 80 o 90 per cento", ha continuato.

Parole che fanno riaccendere la speranza dei moltissimi appassionati che, riconoscendo nel polacco doti di guida sensazionali, lo vorrebbero di nuovo in pista a lottare con gli altri protagonisti del circus.

Questi risultati non hanno fatto altro che esaltare voci ed indiscrezioni che vorrebbero l'ex BMW-Sauber come uno dei papabili sostituti di Jolyon Palmer.

Che i riscontri della prova spagnola fossero stati positivi era trapelato in modo abbastanza chiaro, la conferma definitiva è arrivata con la notizia che ci sarà una seconda giornata di test. Dovrebbe svolgersi nella settimana del Gran Premio di Gran Bretagna e dovrà fornire la conferma che Robert può essere competitivo al livello più alto. Non esiterei, non risponderei con frasi tipo "Si, forse lo posso fare". Direi piuttosto "Sì, posso farlo". Non lo farò. Sarebbe da pazzi. Non perché non mi senta capace di correre, ma proprio perché non voglio assolutamente avere fretta. Certo, sarebbe molto difficile dire di no -conclude Kubica- ma dopo l'incidente ho lavorato molto dal punto di vista psicologico, concentrandomi su ciò che è più comodo per me e per le mie esigenze.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.