Decreto sui vaccini diventa legge: ecco i punti più importanti

Share

Decreto sui vaccini diventa legge: ecco i punti più importanti

Il testo di legge conferma definitivamente la riduzione da dodici a dieci dei vaccini obbligatori e di 4 "fortemente consigliati" dalle Asl.

I 10 vaccini obbligatori sono proposti in formulazioni multicomponente, cioè contenente più vaccini insieme. L'approvazione è arrivata con 296 voti a favore, 92 contrari (M5S e Lega) e 15 astenuti (Si e Fdi). Sono i vaccini contenuti nell'esavalente (contro difterite, tetano, pertosse, haemophilus, polio ed epatite B) equelli contenuti nel vaccino quadrivalente (morbillo, rosolia, parotite e varicella) per i bambini.

L'obbligatorietà per le ultime quattro è soggetta a revisione ogni tre anni in base ai dati epidemiologici e delle coperture vaccinali raggiunte.

Matteo renzi: "Passa la legge sui vaccini, continua la battaglia di civiltà". La vaccino-vigilanza sarà ulteriormente potenziata e valorizzata, e questa è una decisione che non può che portare serenità: il sistema di segnalazione e monitoraggio degli eventi avversi legati ai farmaci, ai vaccini, ai presidi medico chirurgici è una grande garanzia di sicurezza delle cure per tutti i cittadini. Non è previsto il rischio di perdere la patria potestà.

Le vaccinazioni obbligatorie possono essere omesse (o differite) solo in caso di accertato pericolo per la salute, attraverso attestazione e documentazione medica.

Altro termine di scadenza da tenere a mente nell'ambito dei vaccini obbligatori scuola, è quello del 10 marzo 2018, giorno entro il quale dovrà essere presentata la documentazione comprovante l'avvenuta vaccinazione (nel caso in cui sia stata precedentemente presentata l'autocertificazione).

Dall'anno scolastico 2019/2020 e' prevista un'ulteriore semplificazione degli adempimenti delle famiglie per l'iscrizione dei minori a scuola: gli istituti scolastici dialogheranno direttamente con le Asl, per verificare lo "stato vaccinale" degli studenti, senza ulteriori oneri per le famiglie.

Sarà possibile anche prenotare gratuitamente le vaccinazioni in farmacia tramite CUP.

La legge prevede inoltre la creazione dell'Anagrafe vaccinale nazionale, dove sarà riportata la storia vaccinale degli italiani (vaccini fatti, richiami). Rafforzata anche la farmacovigilanza per rivelare i casi in cui la somministrazione del vaccino dà luogo a un evento avverso, ma anche i danni causati dalla mancata vaccinazione. Le vaccinazioni saranno richieste anche per operatori sanitari, sociosanitari e scolastici. Si potrà invece frequentare la scuola dell'obbligo (primaria, secondaria di primo grado, primo biennio della secondaria di secondo grado), ma sono previste sanzioni, anche se più leggere rispetto a quelle indicate in prima battuta.

MONOCOMPONENTI - Viene introdotta la possibilita' di procedere alla vaccinazione monocomponente.

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI - I minori non vaccinabili per ragioni di salute sono inseriti in classi nelle quali sono presenti soltanto minori vaccinati o immunizzati naturalmente. Le procedure accentrate d'acquisto dei vacciniobbligatori dovranno riguardare anche i vaccini in formato monocomponente.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.