Anche la Camera approva: il decreto vaccini è legge

Share

Anche la Camera approva: il decreto vaccini è legge

Tra essi, ad esempio, sono compresi i vaccini contro il meningococco. "#Vaccini. Il varo definitivo della legge aumenterà il livello di protezione sanitaria delle famiglie italiane", scrive su Twitter il premier Gentiloni. In ogni caso, al termine dell'approvazione definitiva la Lorenzin si è detta soddisfatta: "Abbiamo messo in sicurezza questa e le prossime generazioni".

I genitori che intendono iscrivere i propri figli alla scuola dell'obbligo dovranno presentare la documentazione o l'autocertificazione per avvenuta vaccinazione entro il 31 ottobre 2017.

Il decreto, che passa all'esame della Camera, introduce agevolazioni nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Per Burioni, "certo la legge non è perfetta: sono odiose le multe, manca l'obbligo per sanitari e insegnanti e soprattutto mancanovaccini importantissimi come quelli contro la meningite, lo pneumococco e il papilloma". Ma sappia che non potrà mandare i bambini a scuola o al nido senza che i piccoli abbiano ricevuto i 10 sieri obbligatori. Contro il decreto si sono espressi M5S e Lega. I parlamentari Elisa Mariano, Ludovico Vico e Salvatore Capone che si sono rifugiati dentro un'auto che è stata circondata e presa a calci e pugni dai militanti, prima dell'intervento degli agenti in borghese della Digos che li hanno liberati. Per effettuare i vaccini obbligatori non sono necessarie 10 diverse punture, ma solo due, una per l'esavalente e una per gli altri quattro, più i richiami. La principale modifica dal testo del decreto, dopo il passaggio in Commissione, riguarda la riduzione delle vaccinazioni obbligatorie, passate da 12 a 10: polio, difterite, tetano, epatite B, pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, parotite, rosolia e varicella. La Camera ha dato il suo voto finale alla fiducia posta dal Governo. Via anche tutti i riferimenti alla perdita della patria potestà. Le sanzioni saranno modulate in base alla gravita' dell'infrazione. Mi sarebbe piaciuto di più se fossero stati 10 fin dall'inizio. Se invece il bambino si trova in condizioni cliniche che impediscono la vaccinazione, questa può essere posticipata.

Il prossimo settembre si inaugura invece una fase di transizione, basata sull'autocertificazione delle famiglie in regola e sulla presentazione delle prenotazioni delle sedute vaccinali all'Asl.

- I VACCINI MONOCOMPONENTI: per i soggetti immunizzati che hanno già avuto una delle malattie infettive previste, l'obbligo vaccinale potrà essere assolto con vaccini in formulazione monocomponente, senza l'antigene della malattia già contratta.

Il testo prevede infine l'istituzione dell'anagrafe vaccinale, con il compito di monitorare le attività del Servizio sanitario nazionale e di registrare tutte le persone vaccinate, quelle da sottoporre a vaccinazione e le dosi somministrate (o da somministrare).

MONOCOMPONENTI - Viene introdotta la possibilità di procedere alla vaccinazione monocomponente.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.