Sciopero dei mezzi, "venerdì nero"

Share

Sciopero dei mezzi,

Venerdì 16 giugno sarà una giornata a dir poco nera dal punto di vista dei trasporti: è previsto, infatti, un nuovo sciopero generale a livello nazionale (fatta eccezione per Piemonte e Valle D'Aosta) che riguarderà non soltanto i treni ma anche i mezzi pubblici, i quali saranno a rischio per tutta la giornata nelle più importanti città del nostro Paese, tra cui Firenze, Milano, Roma. A Bologna, la rete Tper vedrà la fascia di garanzia del trasporto da inizio servizio fino alle 8:30 e dalle 16:30 alle 19:30, mentre i collegamenti ferroviari TPER su rete RFI e Fer saranno assicurato tra le 6:00 e le 9:00 e tra le 18:00 e le 21:00. Atac e Roma Tpl sono coinvolte entrambe con le consuete fasce di garanzie (fino alle 8.30 e tra le 17 e le 20).

La mobilità si ferma a causa di uno sciopero generale di 24 ore indetto da alcuni sindacati autonomi e di base, di: treni, aerei e mezzi urbani. Non è un caso se lo stesso ministro di Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, ha commentato: "Purtroppo domani sarà un venerdì nero per i trasporti".

Si annunciano disagi anche per il trasporto pubblico locale. I disagi inizieranno sin dalle 21:00 del 15 giugno, orario dal quale incroceranno le braccia i dipendenti Trenitalia, per 24 ore, fino alle 21:00 del 16 giugno.

Trenord - Il personale del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane e di Trenord potrebbe aderire dalle 21 di giovedì 15 alle 21 di venerdì 16 giugno 2017.

I sindacati che hanno indetto lo sciopero sono Cub, Sgb, Cobas lavoro privato e Usb e l'hanno definito una protesta contro le privatizzazioni in corso nel settore dei trasporti. Per quanto riguarda oggi invece, sono previste le fasce orarie di garanzia [6.00-9.00 e 18.00-21.00], pertanto viaggiano i treni con partenza dalle ore 6.00 e che arrivano a destinazione entro le ore 9.00 e quelli con partenza dopo le ore 18.00. Ecco, stando al report di Trenord, questo è l'elenco definitivo dei servizi garantiti per le prossime 24 ore.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.