Russiagate, Trump a rischio impeachment?

Share

Russiagate, Trump a rischio impeachment?

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ammesso di essere sotto indagine dell'Fbi in un tweet di venerdì 16 giugno 2017.

"Hanno inventato una falsa collusione con la storia dei russi, non hanno trovato nessuna prova e quindi adesso ci provano con l'ostacolo alla giustizia su quella storia falsa".

Coats, Rogers e Ledgett appariranno volontariamente ma non è chiaro se descriveranno completamente le loro conversazioni con Trump o se il presidente userà il suo privilegio esecutivo per mantenerle segrete. Pochi minuti dopo il presidente ha proseguito, tornando a riferirsi alle indagini in corso sul Russiagate e su di lui: "Nonostante la caccia alle streghe che sta avvenendo in America, i numeri dell'economia e del lavoro sono ottimi".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. A quel punto, i suoi poteri andrebbero nelle mani del vicepresidente.

L'impeachment è un rinvio a giudizio di un pubblico ufficiale nel caso in cui si possa ritenere che abbia commesso comportamenti illeciti nell'adempimento ed esercizio delle proprie funzioni.

L'attacco di Trump punta anche a demolire la credibilità di Mueller, e di spaccare il fronte di chi lo accusa.

In precedenza il presidente degli Stati Uniti aveva criticato i funzionari del Dipartimento di Giustizia. Evidentemente in un incontro alla Casa Bianca Trump chiese a tutti i presenti di uscire dalla Stanza Ovale per potere parlare a quattr'occhi con Comey. Lo stesso Trump ha incautamente smentito questa versione, lasciando intendere in un'intervista che il direttore era in realtà stato scaricato per i rapporti con la Russia. Così la guerra è arrivata in superficie.

Stessa imputazione che fa ora tremare la Casa Bianca. Nel frattempo, le indiscrezioni si accavallano: "Washington Post" rivela, sempre sulla base di indiscrezioni anonime, che Mueller starebbe indagando sugli affari del genero di Trump, Jared Kushner, accusato nelle scorse settimane di aver lavorato a un canale di dialogo informale tra il presidente Usa e quello russo, Vladimir Putin. Perché evidenzia il persistere, anzi il deteriorarsi, giorno dopo giorno del tumultuoso momentum che la politica americana vive dal giorno della candidatura di Trump. In quel caso l'ostruzione alla giustizia sarebbe palese (almeno politicamente), e diventerebbe impossibile per lui continuare ad avere l'appoggio dei repubblicani al Congresso, sostegno necessario per evitare la procedura di incriminazione.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.