Roma come Pompei, sotto la metro mobili e mosaici di età imperiale

Share

Roma come Pompei, sotto la metro mobili e mosaici di età imperiale

Le paratie perimetrali in pali di cemento e l'ampiezza del pozzo - 8 metri di diametro e 14 metri in profondità, di cui 10 già scavati - hanno permesso un'indagine a quote altrimenti inaccessibili per un normale scavo archeologico. Un ritrovamento in stile Pompei, perché i reperti, datati tra il II e III secolo d.C., sono giunti fino a noi probabilmente per merito di un incendio. La soprintendenza speciale della Capitale ha fatto sapere che tutto il materiale rinvenuto si conserva "solo in eccezionali condizioni ambientali e climatiche o a seguito di eventi speciali come ad esempio è accaduto ad Ercolano e Pompei": "La scoperta del solaio ligneo carbonizzato rappresenta un unicum per la città". Mentre solo successivamente i muri sarebbero stati intenzionalmente rasati. Inoltre è in corso in queste ultime ore la messa in luce del pavimento a mosaico dell'ambiente che contiene i resti del solaio ligneo.

Allo stato attuale dello studio varie sono le ipotesi sull'edificio.

Dall'alto, ma anche man mano che si scende verso il cantiere, la vista è affascinate e gli occhi frugano tra le meraviglie di questo inedito, silenzioso museo a cielo aperto. E in questo caso si tratterebbe di ambienti di rappresentanza dell'edificio militare, considerando la presenza di un sistema di riscaldamento, forse di tipo termale, e il pregio dei rivestimenti, mosaici, affreschi, lastre marmoree su alcune pareti.

La continuazione dello scavo potrebbe fornire ulteriori dati per risalire ai motivi del crollo e alla funzione dell'edificio.

Linea C. Il ritrovamento è avvenuto grazie alla realizzazione del Pozzo Q15 a largo Amba Aradam, un'opera per mettere in sicurezza le vicine Mura Aureliane. I lavori proseguiranno, le strutture murarie e i rivestimenti verranno smontati e i resti delocalizzati per essere poi riallestiti, in futuro, in una sede ancora da definire. Potrebbe essere infatti l'alloggio del comandante.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.