Raiola: "Si era creato un ambiente ostile, nessun problema di soldi"

Share

Raiola:

Ormai c'è una vera e propria guerra in casa #Milan.

L'amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, al Corriere della Sera commenta il caso Donnarumma: "Non so cosa potessimo fare di più".

Dopo tanto attendere sono arrivate le parole di Mino Raiola sul mancato rinnovo del contratto di Gianluigi Donnarumma.

Da giovedì scorso è ufficiale che Gianluigi Donnarumma non rinnoverà il suo contratto con il Milan, in scadenza il 30 giugno 2018. Ogni volta che abbiamo parlato con lui abbiamo cercato di trasmettere questo nostro desiderio. Donnarumma titolare? Queste sono cose che riguardano l'allenatore e vale per lui come per tutti i giocatori. "E credo anche i tifosi del Milan farebbero lo stesso perché gli umori cambiano in fretta".

Un messaggio distensivo. E la minaccia di mandarlo in tribuna? Difficile capire se nei prossimi giorni, o ore, l'agente chiarirà la posizione del proprio assistito, anche se nessuna notizia trapela ancora a riguardo. Sarà Montella a decidere, per me può anche giocarle tutte. Cercano un altro portiere? Magari Donnarumma pensa al Real mentre è da noi ed io non posso permettermelo: "ho bisogno, in quel ruolo, di gente serena ed in condizioni psicofisiche ottimali".

"Nessuno ha mai messo in dubbio la legittimità della scelta". Se ci sono altre cose, allora rischia di perderlo. Io contro il Milan non ho niente, i rapporti con Fassone sono ottimi, ma loro hanno fatto le loro scelte e noi, il 13, abbiamo deciso. Il quale, invece, devo dire ci ha sempre detto che non era disponibile a trattare con i nostri tempi. L'appena diciottenne non ha apposto la sua firma sul rinnovo di contratto offerto dal duo Mirabelli-Fassone e numerosi club europei (anche la Juventus), si sono mossi per strappare il gioiello italiano più brillante alle grinfie del nuovo Milan cinese. Abbiamo osservato gli atteggiamenti pubblici nelle ultime settimane. Così non si gestisce un top player.

Parole che lasciano poco spazio all'ottimismo: le strade sembrano curvare su due linee completamente diverse... "Io trovo che quello che sia stato fatto fino ad adesso è molto vicino o già al mobbing".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.