Motomondiale, GP Italia: le dichiarazioni dopo le prove libere

Share

Motomondiale, GP Italia: le dichiarazioni dopo le prove libere

"Sto usando il setting di Le Mans e mi sento bene, il mio passo è già buono". Il pilota britannico ha fatto segnare il miglior tempo girando in 1'47 " 365, staccando Andrea Dovizioso (Ducati) e Jonas Folger (Yamaha) rispettivamente di 161 e 178 millesimi. Qui la Rossa gioca in casa ma lo stesso pilota durante la conferenza stampa di ieri aveva dichiarato che vincere non sarà facile; alle sue spalle lo storico collaudatore Michele Pirro, il quale per gran parte del turno ha guidato il gruppo ritoccando il suo crono giro dopo giro. Un inizio positivo quindi per tutti gli appassionati italiani. "Per la seconda sessione di prove mi sono preparato con l'aiuto della clinica mobile, abbiamo fatto il trattamento al braccio, ho preso un antidolorifico e nel pomeriggio sono andato un po' meglio, anche se ho durato fatica per il fiato perché non sono al 100%". I big sono tutti dietro: il migliore è Pedrosa, quinto, che precede Barbera e Bautista.

In questa stagione il pilota Honda ha mostrato una minor costanza e arriva dal suo secondo zero nella conquista di punti iridati nato dalla caduta al GP di Francia. 13° tempo per Maverick Viñales che a metà turno è caduto alla 9 perdendo molto tempo ed anche un po' di confidenza.

"Non ho particolari problemi sullo scollinamento al termine del rettilineo, anche senza ali non ci sono grossi cambiamenti, ma devo anche dire che la M1 è una moto molto stabile - afferma - Semmai ci sono dei problemi a causa delle buche sull'asfalto, soprattutto all'ultima curva la moto saltella".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.