Maradona show: siluri su Dani Alves e Sampaoli

Share

Maradona show: siluri su Dani Alves e Sampaoli

La replica del Diez argentino non s'è fatta attendere, arrivata sempre davanti alle telecamere. L'esterno brasiliano lo aveva definito un "esempio non buono per i giovani", riferendosi alla leggendaria "mano de Dios" e rincarando la dose affermando che non sarebbe orgoglioso di vincere un Mondiale con un gol segnato di mano. Lui su 28 cross ne azzecca 4.

E non poteva mancare l'affondo su Icardi, con tanto di difesa dell'ex genero Sergio Agüero: "È assurdo lasciare a casa Agüero per chiamare Icardi". Parla perché gioca in una zona di campo in cui non si gioca davvero a calcio. "Piuttosto chiamo Benedetto (attuale attaccante del Boca, ndr)". E Veron faccia la lista dell'Inghilterra, non quella dell'Argentina. I veri terzini erano Cafù, Maicon. "Basta parlare di lui, altrimenti vado via". Sampaoli? Non lo conosceva nessuno, se non avesse vinto la finale con il Cile neanche la sua famiglia avrebbe saputo chi era.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.