M5S, Grillo: Mai accordi segreti con partiti, ius soli pastrocchio

Share

M5S, Grillo: Mai accordi segreti con partiti, ius soli pastrocchio

Tira dritto invece il premier Paolo Gentiloni: "È arrivato il momento di poter considerare a tutti gli effetti questi bambini come dei cittadini italiani. Mi auguro che il Parlamento lo faccia presto nelle prossime settimane". Il disegno di legge, composto da tre articoli, si proponeva di concedere una sorta di Ius Soli temperato, ovvero di cambiare l'attuale normativa e rendere più semplice l'iter per la concessione della cittadinanza italiana ai figli di immigrati residenti sul territorio italiano sin dalla giovane età.

Facendo qualche ricerca e tornando indietro di qualche anno, precisamente al giugno del 2013, si scopre che il Movimento 5 Stelle ha depositato alla Camera un disegno di legge molto simile a quello in dirittura d'approvazione al Senato: primo firmatario il deputato M5S Giorgio Sorial, bresciano ma d'origine egiziana, con al seguito le firme di decine di parlamentari pentastellati a sostegno.

Dopo l'astensione alla Camera dei Deputati, il Movimento 5 Stelle ha annunciato l'astensione alla votazione per l'approvazione dello Ius Soli anche in Senato.

Per far diventare cittadino italiano un minore è necessario che il padre abbia il diritto di soggiorno permanente, se si tratta di cittadini UE, o quello di lungo periodo per gli extra-Ue. Spiegando: "È vergognoso tenere il Parlamento in stallo per discutere provvedimenti senza capo né coda, mentre non si fa nulla per dare una mano alle famiglie in difficoltà economiche". "E non è l'esclusione, ma il dialogo e l'inclusione".

Quelli che chiudono le porte "credetemi, sono cattivi maestri e i cattivi maestri non vanno seguiti" - ha aggiunto Minniti - "Questi - ha detto riferendosi ai bimbi stranieri nati in Italia - sono bambini, sono italiani, pensano in italiano, parlano italiano, vanno a scuola in Italia, tifano per squadre italiane: cosa c'entra tutto questo con la paura?". Non sottovalutiamo l'importanza della nostra cultura e della nostra identità. Mi appello prima ancora che all'umanità all'intelligenza.

Ora, fa ovviamente sorridere che i 5 Stelle, che ogni tanto usano la parola d'ordine "sovranità", dicano che per fare una legge ci vuole l'accordo con il resto dell'Unione Europea. "La parte più illuminata del centrodestra non segua i boati". "A loro, voglio dire due cose: la prima è che diventando cittadino italiano si acquisiscono diritti ma anche doveri quindi si dà la possibilità a questi bambini non solo di sentirsi italiani ma anche di essere italiani". "L'Italia è un fatto importantissimo, ma proprio per questo abbiamo la forza di aprirci e estendere la cittadinanza a tanti bambini che ne hanno diritto".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.