Le regole per controllare l'ansia e arrivare alla maturità senza stress

Share

Le regole per controllare l'ansia e arrivare alla maturità senza stress

L'ansia per la prima prova aumenta ogni giorno di più e ti starai sicuramente chiedendo chi sarà l'autore della traccia prima prova 2017 che dovrai affrontare.

L'orale dell'esame di maturità è forse la parte più temuta dagli studenti: arriva il momento del confronto con la commissione, pronta a interrogare e giudicare ed è la parte che per questo può far trapelare la nostra emotività. Numeri che potrebbero essere addirittura più alti se non ci fosse 'l'effetto esame': in condizioni normali la quota di chi permette di copiare sale al 56% e la paura di essere beccati scende al 5%. Si va da un minimo di tre a un massimo di otto punti nei primi due anni, per passare da quattro a nove punti nell'ultimo anno.

Mens sana in corpore sano, insegnano gli avi, perciò oltre alla testa, bisogna concentrarsi anche sul corpo: "Dedicare almeno mezz'ora al giorno a un'attività possibilmente all'aperto non studiare di sera o di notte, concedersi qualche ora di svago con gli amici, ma senza fare troppo tardi". Perché l'esame di maturità può anche cambiare formula negli anni, introducendo novità come la terza prova scritta o il colloquio in lingua inglese su una materia di studio, ma nulla può modificare la tradizione della caccia al commissario d'esame esterno o del presidente di commissione per sostituire il collega proveniente da qualche altra provincia ammalatosi poco dopo la nomina.

Se però si vuole puntare su qualcosa di più "religioso", allora in questo 2017 si è festeggiato anche i 500 anni dalla riforma protestante luterana: le famose 95tesi sulla lotta alle indulgenze della Chiesa di Wittenberg sancendo così l'inizio della profonda spaccatura all'interno della Cristianità che ha cambiato per sempre la storia non solo religiosa ma culturale, politica, economica e sociale.

La prima prova, il tema, si terrà il 21 giugno; la seconda invece, diversa a seconda degli indirizzi degli studenti, è fissata per giovedì 22 giugno, mentre lunedì 26 sarà la volta del terzo scritto, anch'esso diverso in ogni sezione.

Nei confronti di coloro che fossero sorpresi ad utilizzarli è prevista, secondo le norme vigenti in materia di pubblici esami, l'esclusione da tutte le prove. Ma quale che siano le disposizioni d'animo degli studenti questo esame è destinato a cambiare. Li ottengono solo gli studenti che hanno raggiunto un punteggio di almeno 70/100, tra le prove scritte e quelle orali (su un totale di 75), e che hanno "credito di 15 punti", come stabilito dal Miur. Sulla base di una nostra ricerca, abbiamo trovato delle possibili tracce e temi già svolti di attualità. Gli studenti più numerosi saranno gli studenti dello scientifico nel numero di 2401; seguono i colleghi di Scienze applicate con 1374 iscritti, i 919 classicisti e i 864 del liceo linguistico; chiudono la lista i 755 studenti di scienze umane.

Il voto finale è calcolato in centesimi e la sufficienza si raggiunge a 60.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.