Incendio Londra, bilancio vittime sale a 17, destinato ad aumentare

Share

Incendio Londra, bilancio vittime sale a 17, destinato ad aumentare

I soccorritori sono alle prese con le ricerche nel grattacielo devastato dalle fiamme con la consapevolezza che "trovare dei sopravvissuti sarebbe un miracolo". L'uomo ha raccontato di essere svegliato alle 3.45 dalla madre di Gloria, che era stata allarmata dalla figlia.

Un primo dramma venne sfiorato alla Grenfell Tower, a causa di una sovratensione nel 2013, per un soffio fu evitato "un incendio dalle conseguenze drammatiche", come riporta The Guardian, in un momento in cui "i residenti hanno vissuto un periodo terrificante di sovratensioni che in seguito si è capito erano provocate da cablaggi difettosi". A raccontarlo è proprio il genitore del ragazzo italiano disperso insieme alla fidanzata e coetanea Gloria Trevisan. "Sono ore di angoscia", ha sottolineato Maccarrone. Il padre di Gloria, Loris Trevisan, in un attimo di rabbia usa parole dure contro un Paese, ha detto, "che costringe i nostri giovani ad andare all'estero". "Il loro appartamento era invaso dal fumo - continua il padre di Marco - la situazione diventava d'emergenza".

Cundy ha poi confermato che comunque il bilancio dei morti è destinato ad aggravarsi e che fra le rovine del grattacielo di North Kensington ci sono solo resti umani da identificare. Sembrerà incredibile, ma fino all'ultimo istante ha mantenuto un aplomb quasi innaturale. Un gruppo di attivisti infatti aveva più volte avvertito che il grattacielo di 24 piani era rischio. "Il suo comportamento è stato eroico". "Erano molto soddisfatti - ricorda il papà di Marco -: a maggio siamo andati a trovarli e abbiamo visto l'alloggio". La sindaca di Camposampiero, Katia Maccarrone, ha parlato con il nonno della ragazza. Sul suo profilo Instagram Gloria aveva pubblicato da pochi giorni una foto scattata nell'appartamento "con una vista meravigliosa", come aveva scritto lei stessa.

Un racconto drammatico e comprensibilmente accorato il loro, che si è interrotto improvvisamente, senza alcun preavviso, chissà da cosa. "Fuori dalla sua porta di casa c'era un grosso borsone con i suoi vestiti", ha detto. Les associazioni locali Rugby Portobello Trust e Harrow Centre, oltre ad alcune parrocchie, si sono mobilitate per accogliere gli sfollati, mentre i club di calcio professionistici del Fulham e del Queens Park Rangers hanno proposto un sostegno materiale e finanziario.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.