Grillo: a Palermo M5S è prima lista

Share

Grillo: a Palermo M5S è prima lista

In ogni caso, secondo quanto si apprende nelle prime ore del 'day after', l'orientamento 5 Stelle sarebbe di non fare drammi mettendo in evidenza i dati positivi: a Palermo e Genova, viene spiegato, M5S rimane probabilmente la prima forza politica, anche se su questo gli stessi 5 Stelle aspettano i dati definitivi per fare un'analisi dettagliata e un confronto con i risultati precedenti. "Gli altri partiti si sono camuffati, soprattutto il Pd che si è presentato in circa metà dei comuni rispetto al Movimento. La maggior parte delle città sono state conquistate da ammucchiate di liste civiche, capitanate da foglie di fico, fatte ad hoc per accaparrarsi voti sul territorio nascondendo il vero volto dei partiti". "Rispetto al 2012 abbiamo triplicato i ballottaggi (furono solo tre all'epoca) e siamo cresciuti in tutte le città in cui ci siamo presentati", ha scritto il leader M5S Beppe Grillo nel suo post sulle comunali. "Stiamo assistendo alla lenta scomparsa di un partito che, con nomi diversi, era radicato sul territorio dal dopoguerra".

Movimento 5 stelle fuori dai ballottaggi dei 4 capoluoghi di regione - Genova, L'Aquila, Palermo e Catanzaro - e una tendenza al ritorno al bipolarismo centrodestra-centrosinistra. L'hanno detto dopo le politiche, dopo le europee, dopo le regionali, dopo il referendum. Illudetevi che sia così per dormire sonni più tranquilli.

Per i grillini è una batosta: in quasi tutte i confronti il distacco tra i primi due candidati che andranno al ballottaggio, quasi sempre di centrosinistra e centrodestra, è consistente. "A settembre avremo il candidato premier" ribadisce sul blog, ricordando che "dopo ci saranno le politiche e l'obiettivo è andare al governo". "L'importante è non mollare mai". "Se vengono separati, l'uomo muore".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.