Grendell Tower, vento di protesta dopo il rogo assassino

Share

Grendell Tower, vento di protesta dopo il rogo assassino

"Non ci sono motivi per sperare che Gloria e Marco siamo ancora vivi": a dirlo l'avvocato Maria Cristina Sandrin, legale della famiglia di Gloria Trevisan, la giovane padovana dispersa nell'incendio a Londra assieme al fidanzato Marco Gottardi.

I vigili del fuoco continuano a cercare come possono nello scheletro carbonizzato del grattacielo di 24 piani, dove abitavano almeno 600 persone, impiegando anche droni e cani per le ricerche, ma i piani più alti sono inaccessibili in quanto dichiarati strutturalmente instabili.

Sale la tensione davanti al municipio di Kensington e Chelsea dopo che decine di persone stanno protestando dopo l'incendio alla Grenfell Tower di Londra e chiedono notizie sulle vittime. Ma questa non è solo una disgrazia, non è solo destino" piangono papà Loris e mamma Emanuela, "Gloria non doveva essere costretta ad andarsene per trovare un lavoro pagato dignitosamente, non doveva sentire su di sè il peso di un'ingiustizia che ha colpito la sua famiglia. La ministra Andrea Leadsom giura che "ha il cuore a pezzi", ma l'opinione pubblica vede altro. Quindi, l'addio: "Sto per andare in cielo, vi aiuterò da lì". Al telefono, così, hanno raccontato ai genitori in una sorta di diretta disperata la paura per le fiamme che si avvicinavano, e li hanno salutati per l'ultima volta.

La notte scorsa la Grenfell Tower ha cominciato a bruciare a causa di un incendio; Gloria ha subito telefonato alla mamma raccontandole dell'incendio mentre il suo ragazzo, Marco, è stato chiamato dal padre preoccupato dalla situazione. C'è ancora incertezza sul bilancio definitivo della tragedia. Intanto tutti i superstiti ricoverati negli ospedali sono stati identificati.

A condurre la battaglia, con Corbyn (che arriva a proporre la requisizione temporanea delle tante case sfitte dei ricchi per dare un tetto agli sfollati), si ritrova il sindaco di Londra, Sadiq Khan, figlio d'immigrati e musulmano come non poche delle vittime di Grenfell Tower. La ditta che ha portato avanti i lavori di ristrutturazione nel 2015, però, assicura di aver rispettato tutte le norme.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.