Germania, Rudiger attacca: "In Italia non si combatte seriamente il razzismo"

Share

Germania, Rudiger attacca:

"Con tutto il rispetto, è facile parlare per le persone che non hanno il nostro colore della pelle, facile dire che dovremmo restare calmi".

Il giocatore della Roma, Antonio Rudiger, ha parlato anche di Milan e Inter dalla sala stampa del ritiro tedesco in Russia dove la Germania sarà impegnata nella Confederations Cup: "Vedo gli sviluppi in maniera positiva". Per me è incomprensibile, qualcosa va fatto.

Quindi Rudiger spiega: "Quando succede l'arbitro deve informare lo speaker dello stadio e, se i tifosi dovessero continuare a farlo, mi piacerebbe che la partita venisse fermata" . Poi, se non succede nulla, sarebbe allora meglio sospendere la partita. Queste le parole del calciatore come riportate in un comunicato ANSA.

IL PASSATO - Rüdiger, del resto, nella scorsa stagione è stato vittima del famoso episodio con Lulic nel derby romano d'andata ("Due anni fa Stoccarda vendeva calzini e cinture e ora fa il fenomeno", ha detto il laziale del tedesco) e aveva toccato l'argomento svariate volte. Siamo nel 2017, ci sono spesso manifesti con lo slogan "No al razzismo", ma in Italia non si fa poi molto. Alla Bild, per esempio, a fine maggio disse: "Non posso e non devo nascondere nulla, perché mi ritrovo dentro a questo problema".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.