Cei,ok ius soli. Lega,pensate a italiani

Share

Cei,ok ius soli. Lega,pensate a italiani

"Eppure - prosegue Della Vedova - Di Maio preferisce fingere che non sia così, sterzare a destra, strizzare l'occhio agli xenofobi che i 'non italiani´ semplicemente li vorrebbero 'fuori´". "Un'indagine Demos dimostra che tre italiani su quattro sono favorevoli alla cittadinanza a chi è nato in Italia", ha aggiunto Galantino. Questo è pericolosissimo: "inseguire qualcun altro solo per rincorrere il successo vuol dire non fare politica, ma fare soltanto il proprio interesse". Queste le parole del segretario generale della Cei, parlando alla Repubblica delle Idee a Bologna. Ma immediata la reazione della Lega. Anche i senatori del Carroccio reagiscono: "Se non urli restano le sabbie mobili". "Cari vescovi pensate agli italiani senza lavoro, casa e pensione dignitosa e lasciate che sia il Pd a pensare a coltivarsi il bacino elettorale degli immigrati.". Salvini, nell'intervista a Maria Latella, a Skytg24 ha dichiarato: "Il Pd è l'unico partito veramente razzista presente in Parlamento". La sinistra ha bisogno di nuovi elettori o nuovi schiavi o nuovi iscritti ai sindacati.

Ancora polemiche sullo ius soli. È esattamente il contrario! Lo afferma il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri di FI. Chi apre indiscriminatamente le porte del nostro Paese, chi come le Ong trasporta clandestini in Italia, chi fa le politiche di Renzi, Gentiloni e del Pd è un razzista perché apre la strada a forme di sfruttamento e speculazione.

Fuori e dentro le aule del Parlamento, lo Ius Soli continua a far discutere. Si spendono circa cinque miliardi per gli stranieri e si negano risorse indispensabili agli anziani e ai disoccupati. "Non ho bisogno di incontrare Grillo, Di Maio e Casaleggio per fare la stessa battaglia su sicurezza e giustizia", aggiunge. La legge sullo ius soli garantirebbe più sicurezza? Chi nella maggioranza non condivide questa scelta affrettata abbia il coraggio e trasformi in voti parlamentari il proprio dissenso. "Noi ci battiamo in nome della democrazia, della libertà, di una giusta integrazione contro questa scelta folle, demagogica e suicida".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.