Calabria: sequestrati 309 kg di cocaina

Share

Calabria: sequestrati 309 kg di cocaina

In una nota diramata dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria viene precisato che "per dare un'idea dell'enorme quantitativo di cocaina sequestrato si tratta di una striscia ininterrotta di oltre 46 km, più della distanza da Roma a Tivoli, tolta dalla circolazione e dallo spaccio".

La droga, che avrebbe fruttato con la vendita al dettaglio circa 62 milioni di euro, è stata trovata in un container, che trasportava noci, proveniente dal Cile e diretto in Turchia.

Trecentonove chili di cocaina pura sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria insieme a funzionari dell'Agenzia delle Dogane-Ufficio Antifrode di Gioia Tauro, col coordinamento della Dda nel porto di Gioia Tauro. Per la riuscita dell'operazione - riferiscono gli inquirenti - è stata fondamentale un'opera d'indagine basata su una serie di incroci documentali che hanno portato a successivi controlli su una serie di container sospetti.

"Il governo spieghi quali misure intende adottare per conservare gli attuali livelli occupazionali del Porto di Gioia Tauro e per arrestare il declino di un'infrastruttura strategica, da cui dipende anche la crescita economica di una larga parte del territorio calabrese". 309 kg di cocaina dunque per un valore di 62 milioni di euro.

Per quanto riguarda l'occupazione, Delrio continua: "L'Agenzia per la somministrazione, la riqualificazione e la ricollocazione del personale posto in esubero da Mct, che in prospettiva e come già previsto per legge si trasformerà poi in soggetto art. 17 come operante in tutti gli altri porti di Italia, ha rappresentato la risposta del governo alla prima e più importante richiesta giunta dal sindacato: neanche un posto di lavoro vada perduto, né ora né in futuro".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.