Banche Venete, il governo approva il decreto di salvataggio

Share

Banche Venete, il governo approva il decreto di salvataggio

Si tratta di "un esborso per lo Stato che ammonta a circa 5,5 miliardi di euro" e "complessivamente sono mobilizzate risorse a favore dell'operazione fino ad un massimo di 17 miliardi di euro", ha precisato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, aggiungendo anche che le "somme non impattano sull'indebitamento".

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto per il salvataggio di Veneto Banca e Popolare di Vicenza. "Lo Stato mette a disposizione subito risorse a Banca Intesa per un totale 4,785 mln in termini di anticipo di cassa, relativi a operazioni necessarie per mantenere la capitalizzazione e il rafforzamento patrimoniale di Banca Intesa a fronte dell'acquisizione di queste banche venete". "Il governo ha approvato il dl che consente il salvataggio delle due banche venete e consentirà di rassicurare e stabilizzare la situazione", ha affermato il premier Paolo Gentiloni nel corso della conferenza stampa a palazzo Chigi. "Il governo ha utilizzato le regole europee nel migliore modo possibile", ha concluso Padoan.

Il provvedimento dovrebbe consentire di avviare la liquidazione ordinata dei due istituti e aprire la strada alla separazione delle attività grazie alla creazione di una bad bank e cedendo la parte sana degli istituti a Intesa. "Non c'è nessuna interruzione dell'attività". Seguiranno ora un decreto del Tesoro, con cui il cessionario e via XX settembre prenderanno atto del contenuto negoziale e l'indicazione dei commissari liquidatori da parte della Banca d'Italia.

Gli oneri di ristrutturazione sono legati anche agli esuberi, su questo, nell'ambito dei 4,7 miliardi, ci sono circa 1,2 miliardi. "Un sistema - ha aggiunto - di cui gruppo Intesa San Paolo, che acquisisce le banche, è un asset tra quelli di maggior valore".

Il consiglio d'amministrazione dell'istituto intanto, riunitosi in tarda mattinata, ha dato l'ok all'amministratore delegato Messina, per chiudere l'operazione.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.