Ariana Grande sarà presto cittadina onoraria di Manchester

Share

Il concerto al Palalottomatica arriva dopo un anno nel quale Ariana Grande ha guadagnato il primo posto della classifica Billboard Top 200 per ben due volte - prima con il singolo "Yours Truly" e poi con il successivo "My Everything".

Il disastro a Manchester è indimenticabile per Ariana, che scoppia a piangere mentre canta 'Over the Rainbow' al Palalottomatica di Roma. Polizia e carabinieri, infatti, hanno eseguito ispezioni a tappeto sia nell'area di pre-filtraggio durante la verifica del biglietto, che in quella di filtraggio.

Una scaletta di oltre 20 pezzi, le orecchie da coniglietto, ormai simbolo di One Love Manchester proiettate sul grande schermo dietro di lei e il pubblico in festa.

Misure di sicurezza elevate anche in considerazione del fatto che la strage di maggio a Manchester avvenne proprio alla fine del concerto di Ariana Grande. Controlli non esagerati e soprattutto che non hanno di certo trasformato il clima della serata. La paura di un ulteriore attentato non li ferma e sono pronti ad andare avanti, ovviamente in compagnia della loro popstar preferita. Assolutamente vietati anche bombolette spray, bevande alcoliche e non (contenute in bottiglie di vetro o plastica, lattine e borracce), fotocamere, videocamere, aste per selfie, tablet, penne, strumenti musicali, ombrelli e "tutti gli altri oggetti atti ad offendere", come riporta Live Nation.

"Non ho mai pensato di non venire, il pericolo può esserci sempre, non ci si puo' chiudere in casa", ha detto una ragazza che voleva assistere al concerto. L'area del palasport è stata controllata da artificieri e unità cinofile, che hanno continuato le verifiche fino al termine dell'evento. Questi controlli, per ordine del Viminale, pare saranno ripetuti per tutti i più grossi eventi estivi che si terranno nella capitale italiana.

La cantante si esibirà davanti a 6.200 persone, che entreranno nel complesso sportivo solo dopo essere state perquisite con i metal detector.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.