Allarme sbarchi: oltre 12 mila migranti negli ultimi 4 giorni

Share

Allarme sbarchi: oltre 12 mila migranti negli ultimi 4 giorni

Si è svolto ieri sera un incontro al Viminale tra il ministro dell'Interno Marco Minniti e Virginia Raggi dopo che la sindaca aveva sollevato nei giorni scorsi il problema delle difficoltà di sostenere l'afflusso crescente di migranti nella capitale. "Sono numeri non più sostenibili", ammette Matteo Renzi mentre il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, da Ottawa in Canada, accusa l'Ue: "L'Italia è in prima linea per salvare migliaia di vite umane nell'ambito di un fenomeno epocale". Ma e' tra domenica e lunedi' che i numeri sono esplosi, con le navi davanti alle coste libiche impegnate a soccorrere una cinquantina tra gommoni e barconi con a bordo oltre oltre 8.400 persone. Si cercano i restanti 51 che mancano all'appello. Oltre 10mila sono i migranti salvati nel Mediterraneo centrale dallo scorso sabato. Il titolare del Viminale era in volo assieme al suo staff verso Washington per una serie di incontri istituzionali: il viaggio per gli Stati Uniti è stato però interrotto quando, durante uno scalo tecnico in Islanda, Minniti ha avuto modo di consultare gli aggiornamenti sugli sbarchi, maturando la convinzione che fosse opportuno tornare a gestire lo scottante dossier in prima persona. Mentre gli 7500 soccorsi negli ultimi due giorni si trovano adesso a bordo di 14 navi: sei di queste hanno già fatto ingresso o stanno per entrare in porti di Sicilia e Calabria, le altre otto sono ancora in navigazione a largo delle coste italiane. Il governo ha infatti gia' stanziato 150 milioni per il 2018 da distribuire ai sindaci in base al numero di stranieri effettivamente accolti, con l'obiettivo di allargare la platea delle Comuni (al momento sono 2.800 su circa 8mila) disposti ad ospitare i richiedenti asilo secondo il principio dell'accoglienza diffusa. Le ricerche riprenderanno una volta che la situazione tornerà alla normalità.

"Il sistema Sga parte con la 'fotografia' della realtà in un momento dato: in questo momento gli uffici informatici hanno avviato una normalizzazione e una verifica dei dati gestiti, che sono molto complessi".

La situazione si fa sempre più insostenibile e Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, che ha chiesto al ministro dell'Interno, Marco Minniti, di bloccare le navi con i migranti che stanno facendo rotta verso l'Italia per chiedere all'Ue che vengano dirottate in altri porti del Mediterraneo. Su due fronti: far attraccare le navi con i migranti in porti non italiani - "L'Italia ha salvato l'onore dell'Europa e sarei ancora ancora piu' orgoglioso se una sola delle navi portasse i migranti almeno per una volta in un altro grande porto europeo", ha detto nei giorni scorsi - e far finalmente funzionare il piano Junker, che prevedeva la ridistribuzione di 450mila migranti ma ad oggi ne ha ricollocati solo 7.281. "Chiediamo il sequestro delle navi delle Ong che non vogliono la polizia a bordo".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.