YOUTUBE Francesco Totti non saluta Luciano Spalletti dopo Roma-Juve

Share

YOUTUBE Francesco Totti non saluta Luciano Spalletti dopo Roma-Juve

Nello specifico, ha destato quasi clamore il match point fallito dalla Juventus, allo Stadio Olimpico, per la conquista del suo sesto Scudetto consecutivo. E rinvia la festa scudetto per i bianconeri. Il fatto e' che bisogna vincere le partite che contano e non sempre la squadra azzurra lo ha fatto.

Nel secondo tempo, sono i giallorossi a condurre il gioco.

"La Juve ha fatto un buon primo tempo giocando in modo cattivo, nel secondo tempo abbiamo mollato, preso un gol da ripartenza, pensavamo di portare a casa il risultato, così non è stato, presi due gol a Bergamo, con il Torino, tre stasera qualcosa abbiamo mollato, dobbiamo riprendere la cattiveria mercoledì e poi con il Crotone".

Andando ad analizzare la partita, è facile trovare e comprendere il perché del risultato finale, figlio di una serie di fattori che solo chi non vuol vedere non vede. La partita, giocata su ritmi alti, è stata divertente.

Quando Lemina appoggia comodamente in rete l'assist di Higuain per il vantaggio della Juventus sembra profilarsi una serata tutta in discesa per i bianconeri: scudetto ormai in porto (in fondo basta solo un punto) e pure tanti titolari risparmiati.

Il terzo goal è di Nainggolan al termine di una combinazione con Salah. "Totti ora avrà una nuova carriera nella Roma".

"E' una vittoria importante soprattutto per la nostra classifica".

La partenza bianconera ha dato l'impressione di una valanga che avrebbe travolto la Rama. Il capitano giallorosso si è visto parare il tiro da due passi, ma poi ha insaccato sulla corta respinta di Buffon.

Ma non è finita qui. La Roma non ci sta e dopo pochi minuti riporta la situazione in parità con De Rossi.

Obiettivo non di certo impossibile per la Vecchia Signora, che affronterà prima un Crotone in lotta per la salvezza ma certamente abbordabile e successivamente andrà a far visita ad un Bologna che non ha più niente da chiedere alla propria stagione. Il gioco non è stato brillante come all'inizio.

Nella ripresa la Roma guadagnava campo e, nel giro di 9', trovava addirittura il doppio gol, prima con El Shaarawy (56', parabola strana su deviazione di Lichtsteiner), poi con Nainggolan (65', sassata imparabile per Buffon). E La Roma ha battuto la Juve in rimonta, meritando il successo e rintuzzando l'attacco del Napoli per il secondo posto.

La Juve di Allegri in modalità turnover viaggia bene, con i titolarissimi Mandzukic e Cuadrado che aiutano in ripiegamento e con Sturaro a farsi in quattro a centrocampo.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.