Torino: 52enne si barrica in casa e minaccia di sparare

Share

Torino: 52enne si barrica in casa e minaccia di sparare

L'uomo ieri ha messo a soqquadro l'appartamento, ha iniziato a gridare, a dire di essere perseguitato, e ha preso a lanciare oggetti dal balcone: tutto in diretta, su Facebook. "Qua non entra nessuno se non viene l'esercito", ha scritto in un post, l'uomo sostiene di essere minacciato "da una banda di mafiosi".

Sul posto son accorsi i carabinieri e i vigili del fuoco ma l'uomo ha minacciato di sparare contro chi cercherà di entrare in casa sua. La strada resta bloccata e l'area è delimitata. Sembra ci sia stato anche un tentativo dei sanitari di 118 di intervenire con un Trattamento sanitario obbligatorio. Tutto inutile. L'assedio continua.

Ore di apprensione nel pomeriggio di giovedì alla periferia di Torino, in via Borgaro. Come si vede dai video che lui stesso ha pubblicato, in casa ha ammassato sedie, tavoli e altre suppellettili contro la porta d'ingresso del suo appartamento e nel corridoio, sul letto invece si scorge una pistola.

"Oggi giornata particolare sono molto impegnato", aveva esordito su Facebook alle 6 di stamani. "Sono rinchiuso chiamate l'esercito mezza Calabria in complotto", scriveva poco dopo. Alle 12 un vicino sente il trambusto e lancia l'allarme.

Ferdinando Urzini si è affacciato più volte anche questa mattina.

"Entrate che vi faccio vedere io".

"Da casa mia non mi potete sparare!" urla live dal suo cellulare.

Il suo video ha migliaia di visualizzazioni.

9 su 10 da parte di 34 recensori Si barrica in via Borgaro. Su Facebook ha parlato di "100 giorni bui", alle forze dell'ordine ha detto che avrebbe potuto sparassi. C'è chi segue la scena con il bambino in braccio. Vedrete che si scioglie, che ritorna in sè.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.