Siria: Usa accusano Assad, esecuzioni massa di prigionieri

Share

Siria: Usa accusano Assad, esecuzioni massa di prigionieri

Foto satellitari mostrerebbero le modifiche apportate nell'edificio per adibirlo a questo macabro compito, che ricorda i campi di concentramento nazisti.

Nelle immagini in questione -datate aprile 2017, aprile 2016, gennaio 2015 e agosto 2013- sono visibili degli edifici: uno è definito 'prigione principale', l'altro il 'probabile crematorio'. L'accusa del dipartimento di Stato è arrivata l'indomani di un'intesa anche tra Usa e Russia sulla creazione di zone cuscinetto in Siria, concordata nei colloqui di Astana tra Mosca, Ankara e Teheran.

Gli Stati Uniti attaccano nuovamente Assad.

Il regime siriano di Bashar al Assad sta usando un forno crematorio per disfarsi dei corpi dei detenuti uccisi nella prigione di Saydnaya, nei pressi di Damasco.

I dati si fermano al 2015, ma secondo Amnesty non c'è ragione di ritenere che la soppressione di detenuti non sia continuata.

Era stata Amnesty international a puntare per prima il dito contro il carcere di Sednaya: in un rapporto dello scorso febbraio sosteneva che vi venivano impiccate mediamente da 20 a 50 persone a settimana, per un totale tra 5000 e 13 mila vittime in quattro anni.

Il governo di Assad "è sprofondato in un nuovo livello di depravazione" con il sostegno di Russia e Iran. Non solo, secondo l'organizzazione nella prigione "sono inflitte ai detenuti condizioni inumane, torture, sistematiche privazioni di acqua, cibo, cure mediche e medicine" mentre sono costretti a ubbidire a "regole sadiche". Secondo l'intelligence di Washington nel complesso di Sednaya sono state rinchiuse migliaia di persone in 6 anni di guerra. "Benché le molte atrocità del regime siano ben documentate, riteniamo che la costruzione di un forno crematorio sia un tentativo di nascondere l'estensione degli omicidi di massa compiuti a Saydnaya", ha detto il responsabile per il Medio Oriente del dipartimento di Stato americano, Stuart Jones, mostrando le foto alla stampa.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.