Riciclaggio, sequestrato a Fini un milione di euro

Share

Riciclaggio, sequestrato a Fini un milione di euro

Secondo le tesi dell'accusa Corallo assieme a Alessandro La Monica, Arturo Vespignani, Amedeo Laboccetta, Rudolf Theodoor e Anna Baetsen avrebbero fatto parte di un'associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio.

Tali evidenze avevano consentito al Giudice per le Indagini Preliminari di emettere, già a febbraio 2017, un decreto di sequestro per equivalente relativo a beni immobili, mobili e conti correnti, della famiglia Tulliani, per un valore di oltre 7 milioni di euro. Da qui il sequestro delle due polizze, dal valore di riscatto di 495 mila euro l'una, giustificato da inquirenti ed investigatori della Guardia di Finanza per il ruolo centrale di Fini in tutta la vicenda.

La Guardia di Finanza ha proceduto ad un sequestro preventivo su richiesta della Dda di Roma per un valore di un milione di euro nei confronti dell'ex presidente della Camera Gianfranco Fini. Una storia che ha a che fare anche con la casa di Montecarlo, un immobile di Alleanza Nazionale, il partito fondato e diretto da Fini sulle ceneri del vecchio Movimento sociale italiano, che per un giro immobiliare finì nella mani del cognato di Fini, Giancarlo Tulliani.

Sempre secondo quanto si legge nella relazione investigativa dello Scico della Guardia di Finanza, inoltre, è emerso come "i membri della famiglia Tulliani dal 2008 abbiano ricevuto, per il tramite di società offshore riconducibili a Corallo, oltre sette milioni di euro, trasferiti su conti personali e su conti di società a loro direttamente o indirettamente riconducibili".

L'operazione, denominata "Rouge et Noir" (rosso e nero) segue altro sequestro preventivo già eseguito nei confronti di Giancarlo, Sergio ed Elisabetta Tulliani, in relazione a plurimi reati, tra cui episodi di riciclaggio e autoriciclaggio che la procura ritiene commessi in concorso con Gianfranco Fini. Coinvolta anche la famiglia a conoscenza del giro di affari che si era creato tra Gianfranco fini e Francesco Corallo.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.