Mons. De Donatis nuovo vicario di Roma

Share

Mons. De Donatis nuovo vicario di Roma

Succede al cardinale Agostino Vallini, che ha presentato la rinuncia, accettata dal Pontefice, per raggiunti limiti di età. La nomina a vescovo ausiliario di Roma del 63enne prelato di Casarano, ora elevato a dignità arcivescovile, è avvenuta questa mattina ed ha trovato ufficialità nel bollettino ufficiale della sala stampa della Santa Sede.

"Con gioia e grandissimo entusiasmo nella fede accogliamo la notizia che Papa Francesco ha nominato suo vicario per la diocesi di Roma, mons".

Si tratta di una mossa assolutamente a sorpresa: in ambienti vaticani, fino a poche ore fa, si dava per certa la nomina di monsignor Angelo Paolo Lojudice, che, come De Donatis, è uno degli ausiliari dell'attuale vicario. Monsignor De Donatis per molti anni è stato il parroco di San Marco Evangelista in Campidoglio, molto amato dai suoi fedeli e da tempo è formatore e padre spirituale dei sacerdoti che vivono a Roma.

Nato il 4 gennaio 1954 a Casarano, provincia di Lecce e diocesi di Nardò-Gallipoli, alunno prima del seminario di Taranto e quindi del Pontificio Seminario Romano Maggiore, ha compiuto gli studi filosofici alla Pontificia Università Lateranense e quelli teologici presso la Pontificia Università Gregoriana, dove ha conseguito la licenza in Teologia Morale.

Novità per la basilica di San Giovanni in Laterano. "Annunzia la Parola in ogni occasione opportuna e alle volte non opportuna", gli raccomandò Francesco nell'omelia, "ammonisci, rimprovera, ma sempre con dolcezza; esorta con ogni magnanimità e dottrina".

Donatis è stato ordinato sacerdote il 12 aprile 1980 per la diocesi di Nardò-Gallipoli e dal 28 novembre 1983 è incardinato nella diocesi di Roma. E' stato membro del Consiglio Presbiterale Diocesano e del Collegio dei Consultori. Nel 1989 è stato ammesso all'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme con il grado di Cavaliere. In precedenza, nella Quaresima del 2014, ha tenuto le meditazioni per gli Esercizi Spirituali della Curia Romana. Il suo nome è stato scelto dopo che il papa aveva chiesto ai parroci prefetti del vicariato di Roma di suggerire le loro preferenze.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.