Mille Miglia Tribute, auto in gara contro utilitaria: gravi madre e figlio

Share

Mille Miglia Tribute, auto in gara contro utilitaria: gravi madre e figlio

Al termine di questa tre giorni, le vetture partiranno da Parma per poi toccare Brescia, un totale 1.600 chilometri, Mille Miglia, con un tributo alla Ferrari che offrirà uno spettacolo imperdibile ai fortunati spettatori.

Difatti, nella mattinata odierna, sulla Strada Statale Adriatica nei pressi di Ravenna e, più precisamente, all'altezza della frazione di Camerlona, una Ferrari 458 Spider ha centrato in pieno una Fiat 500L completamente estranea alla corsa.

Brutto episodio ha segnato il passaggio della Mille Miglia di questa mattina: attorno alle 8.45 una Ferrari, con a bordo due persone di nazionalità tedesca, impegnate nella gara che precede la Mille Miglia vera e propria, forse a causa di un sorpasso azzardato è entrata in collisione con una vettura Fiat 500, sulla quale si trovavano una donna e il proprio figlio. Nello specifico la supercar di Maranello guidata da due tedeschi ha violentemente colpito l'utilitaria italiana con a bordo una donna ed il suo bambino. Ad avere la peggio è stata la signora, trasportata in elicottero al 'Trauma Center' dell'ospedale 'Bufalini' di Cesena.

Sarà la Polstrada a scorta della stessa manifestazione a far luce sull'esatta dinamica. Pare, ma il condizionale è d'obbligo, che all'origine dello schianto vi sia una errata valutazione del conducente della Ferrari nel sorpassare la "500" che la precedeva. Soccorsi e trasporto in ospedale anche per gli occupanti della Ferrari. A regolare la circolazione è stata la Polizia Municipale di Ravenna.

Anche quest'edizione, come consuetudine, era organizzata dallo 'Studio Borsetti' che per gli equipaggi partecipanti al Tribute to Mille Miglia e Mercedes-Benz Mille Miglia Challenge, ha riservato una gradita sorpresa: i concorrenti hanno infatti potuto trascorrere una serata di gala all'interno del monumento ferrarese per eccellenza, il Castello Estense.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.