Manchester,Morrisey attacca i politici: "Facile dire siate forti"

Share

Manchester,Morrisey attacca i politici:

L'ex leader degli Smith Morrisey va controcorrente rispetto alla retorica dell'essere forti che pervade la Gran Bretagna in queste ore dopo la strade di Manchester.

Theresa May dice che questi attacchi 'non ci spezzeranno', ma lei vive in una bolla a prova di proiettile ed è evidente che non dovrà essere lei a riconoscere il cadavere di un bambino nell'obitorio di Manchester, oggi. "I ragazzini di Manchester sono già stati spezzati - grazie comunque, Theresa" il duro attacco di Morrisey che insiste parlando del sindaco di Londra Sadiq Khan: "dice che 'Londra si unisce nel cordoglio a Manchester', ma non condanna lo stato islamico, che si è assunto la responsabilità dell'attentato". Il cantante se la prende anche con la Regina: "Riceve delle lodi esagerate per le sue 'dure parole' contro l'attacco, ma non ha cancellato un ricevimento nei giardini di Buckingham Palace, senza ricevere alcuna critica da alcun giornale". Estremista di cosa? Un coniglio estremo? Il suo 'non ci spezzeranno' suona come 'non ci spezzerà', né lei né le sue politiche sull'immigrazione.

In seguito all'attentato di Manchester alla fine del concerto di Ariana Grande in cui hanno perso la vita 22 persone, Morrissey ha diffuso un comunicato in cui commenta la tragedia e dove si scaglia contro la classe dirigente del suo Paese. I politici continuano a ripeterci che non hanno paura, ma loro non sono mai stati le vittime. Quanto è facile non aver paura quando si è protetti da cima a fondo.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.