Carne rossa e malattie: dagli Usa arriva il nuovo studio

Share

Carne rossa e malattie: dagli Usa arriva il nuovo studio

Accade con uno studio epidemiologico pubblicato sul British Medical Journal a firma di Arash Etemadi (nella foto sotto), ricercatore dell'americano National Cancer Institute statunitense. Il grafico dei risultati ottenuti mostra l'aumento il numero dei decessi e patologie correlate al consumo di carne.

Anche le percentuali sono da leggere nel modo corretto: dire che un consumo eccessivo di carne fa aumentare il rischio di ammalarsi del 26% non significa che si ha un 26% di possibilità di ammalarsi di cancro o andare incontro ad altre gravi patologie, ma solo che aumenta la percentuale di rischio.

Carne rossa: la polemica va ad onde e vede l'alternanza di condanne definitive e assoluzioni per mancanza di prove.

Per quanto riguarda i tumori se nel gruppo di chi ne mangiava meno i morti erano 7.869, nel secondo erano 8.510, nel terzo 9.228, nel quarto 9.858 e infine nel quinto 10.275. L'indagine ha però fatto emergere anche una nuova informazione molto interessante, il consumo di carni bianche è correlato a una diminuzione del rischio di morte.

Il perché la carne rossa fa male sarebbe legato alla presenza di nitriti e i nitrati (per quanto riguarda gli insaccati) e il ferro eme (per quanto riguarda la carne rossa); oltre, probabilmente, ad altri fattori quali: gli additivi e i carcinogeni che derivano dalla cottura; nonché l'evidenza per cui se la dieta è prevalentemente costituita da carne, minore spazio sarà dato alle verdure. Sostituire le carni rosse con quelle bianche, infatti, ridurrebbe questo rischio persino del 25%.

Anche se nello studio sono stati considerati i consumi di carni in un gruppo della popolazione statunitense, di gran lunga superiori rispetto a quelli europei e italiani, negli ultimi anni anche nel nostro Paese si è iniziato a consumare più carne di quella che effettivamente serve al nostro organismo.

Lo studio. Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti all'interno di un lungo studio che ha compreso 536.969 persone tra i 50 e il 71 anni che mangiano regolarmente carne rossa, carne lavorata e carne bianca. Per chi non lo sapesse la diverticolite è un'infiammazione dei diverticoli, rigonfiamenti anomali delle pareti del colon, che può causare un forte dolore addominale (solitamente nella parte addominale bassa a sinistra), spasmo colico, diarrea, alterazione dell'alvo e, occasionalmente, una severa emorragia rettale. Il consiglio è di ridurre il consumo di carne rossa a favore di pesce e carne bianca.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.