Calcioscommesse: ridotta da 18 a 6 mesi la squalifica di Armando Izzo

Share

Calcioscommesse: ridotta da 18 a 6 mesi la squalifica di Armando Izzo

La Corte Federale D'Appello a Sezioni Unite, infatti, ha ridotto la squalifica al difensore, cresciuto nelle giovanili del Napoli e ora al Genoa, da 18 a 6 mesi con un'ammenda di 30 mila euro. Cosi' il procuratore di Armando Izzo, Paolo Palermo, ai microfoni di Radio Crc. La squalifica è stata ridotta di due terzi. Perché a metà ottobre il difensore napoletano potrà tornare in campo. "Il calcio è tutto per me, è l'unico lavoro che so fare". La Roma è interessata a lui. A gennaio non si riuscì a chiudere l'affare ma adesso Monchi è più che motivato nel prelevare il cartellino del calciatore e portarlo con sé in quella che è la sua nuova casa. La C.F.A., riuniti preliminarmente i ricorsi nn. Tagliata anche la squalifica per Francesco Milesi che dovrà scontare uno stop di 3 anni - contro i 5 in primo grado - e dovrà saldare una ammenda da 20mila euro.

Caso Avellino per Armando Izzo ulteriore sconto di pena: la squalifica è di 6 mesi. Dispone restituirsi la tassa reclamo.

Accoglie in parte il ricorso come sopra proposto dalla società U.S. Avellino 1912.

La riduzione della squalifica ha portato anche ad una riduzione della sanzione pecuniaria, arrivata a 30mila euro. Invece è stato dichiarato "inammissibile" il ricorso presentato dall'Atletico Torbellamonaca Breda di Roma.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.