Liberazione di Del Grande, Alfano: "Imminente contatto con il governo turco"

Share

Liberazione di Del Grande, Alfano:

"Dentro la maggioranza ci siamo sempre sentiti alternativi a due grandi aree: alternativi a chi vuole uscire dall'Europa e alternativi a chi sta facendo solo passi indietro", ha esordito Alfano.

Il Sindaco di San Giovanni Teatino Luciano Marinucci e il Sottosegretario al Ministero della Giustizia Federica Chiavaroli hanno accolto l'arrivo del Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale Angelino Alfano, questa mattina all'Aeroporto d'Abruzzo. Una delegazione del consolato italiano di Smirne si è recata nel centro di detenzione amministrativa di Mugla, sulla costa egea meridionale della Turchia, dove è trattenuto Gabriele Del Grande.

"Ho ricevuto da parte del collega turco il massimo impegno relativamente alla loro attenzione al caso - continua Alfano - e al fatto che le loro procedure seguiranno il corso della legge turca e saranno concluse al più presto".

"Ho ribadito con forza -aggiunge il titolare della Farnesina- che la vicenda procedurale in corso non può in alcun modo impedire l'assistenza legale e ogni forma di sostegno e assistenza a Gabriele Del Grande e ho chiesto che il tutto venga concluso nei termini più rapidi possibile, nel comune interesse della comune relazione Italo-turca". "Le autorita' turche garantiscono che sta bene, ma ancora nessuno di noi, e neppure l'ambasciata, si e' potuta mettere in contatto con lui", ha lamentato.

"Chiedo il rilascio immediato di Gabriele Del Grande e di tutti i giornalisti detenuti ingiustamente in Turchia". Il reporter è riuscito a parlare per telefono con la famiglia e con la sua compagna, alla quale ha annunciato l'inizio di uno sciopero della fame. Così ha scritto su Twitter il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.