Aria più pulita per il Cenacolo: Farinetti finanzia il restauro

Share

Aria più pulita per il Cenacolo: Farinetti finanzia il restauro

Eataly, store delle eccellenze gastronomiche italiane, destinerà un milione di euro per il restauro dell'Ultima Cena di Leonardo da Vinci.

Il dipinto affrescato tra il 1494 e il 1497 sulla parete dell'ex refettorio del convento adiacente al santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano è stato restaurato più volte nel corso degli anni, ma quello che si sta avviando è il primo restauro "ambientale".

Alla presentazione del progetto, intitolato appunto "Una cena da non perdere", a Milano insieme a Farinetti il ministro per i Beni Culturali, Dario Franceschini, lo scrittore Alessandro Baricco, il vicario episcopale per la Cultura dell'arcidiocesi di Milano, monsignor Luca Bressan, la direttrice del Cenacolo Vinciano, Chiara Rostagno.

La fine dei lavori è prevista per il 2019, nel 500esimo anniversario della morte del Genio. "E Eataly era giusto che intervenisse e intitolasse questa operazione Una cena così non la puoi perdere 00.03.36 nel senso che non possiamo perderla come umanità perchè saremmo dei pazzi, e poi non possiamo perderla noi stessi perchè dobbiamo andarla a visitare".

Il ministro della Cultura Dario Franceschini che, in diretta mondiale con collegamenti da New York e Sao Paolo, ha presentato il restauro ambientale al quale sarà sottoposto il capolavoro di Leonardo Da Vinci, ha affermato: "Questo progetto è espressione di tutela del patrimonio, ricerca scientifica e sforzo delle amministrazioni".

Il restauro permetterà di immettere ogni giorno circa 10 mila metri cubi di nuova aria pulita nel refettorio, contro i 3.500 attuali. E gli interventi al cenacolo Vinciano per migliorare il microclima sono un esempio. "Un segnale, questo, che va dato al resto del Paese".

"Un ringraziamento a Samsung che per il progetto ha messo a disposizione 17 schermi 43".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.