Turchia, Erdogan attacca la Merkel: "Sostiene i terroristi". Lei: "Aberrante"


Turchia, Erdogan attacca la Merkel: "Sostiene i terroristi". Lei: "Aberrante"

Share

Turchia, Erdogan attacca la Merkel:

La visita di Çavuşoğlu ha tenuto banco per tutta la settimana. Lunedì sera il governo turco ha deciso di bloccare il rientro in Turchia dell'ambasciatore olandese, che al momento si trova in viaggio all'estero.

"In atto c'è una crisi molto profonda che noi non abbiano iniziato tantomeno portata a questo livello", ha detto Kurtulmus in una conferenza stampa al termine della riunione settimanale di Governo. E proprio il presidente turco aveva risposto citando il nazismo.

Sabato l'Olanda ha impedito a due ministri turchi di prendere parte a un'iniziativa per il referendum costituzionale turco che si terrà ad aprile. Il Ministero degli affari esteri turco, in un comunicato di martedì, ha dichiarato che l'UE non applica le libertà pubbliche e i diritti fondamentali in modo paritario. Secondo Celik l'Europa sarebbe affetta dalla crescita di xenofobia, islamofobia e razzismo, e a farne le spese e' stato il presidente turco RecepTayyip Erdogan, per opporsi al quale l'Europa "ha annullato i propri valori". Perché "la questione "può essere risolta solo mantenendo un buon canale di comunicazione aperto".

Non si è fatta attendere la risposta della cancelliera Angela Merkel, che ha giudicato "aberranti" le parole di Erdogan. Anche la Nato segue la stessa politica adottata dall' Unione. "Un dialogo robusto è il cuore delle democrazie, ma ci deve essere rispetto" quindi "chiedo che ci sia un approccio misurato" fra Turchia e Olanda, ha detto il segretario generale dell'Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg. È diventato un caso perché c'è stata una specie di "tempesta perfetta", tanti eventi che si sono sovrapposti e hanno creato la crisi che vediamo oggi: c'entrano le elezioni politiche olandesi, che si terranno domani, il referendum sui poteri del presidente in Turchia che si terrà il 16 aprile ma anche la crisi dell'Unione Europea, un'organizzazione che sembra sempre più in difficoltà. Regolare anche lo svolgimento di altri appuntamenti in Francia. "La calma e la de-escalation sono importanti per allentare le tensioni", ha insistito. La Ue ha preso ieri posizione con l'alto rappresentate per la politica estera, Federica Mogherini, che ha fatto appello chiesto alla Turchia "affinche' si trattenga da dichiarazioni eccessive e da azioni che potrebbero esacerbare ulteriormente la situazione".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.