Papa Francesco a Milano: è il grande giorno

Share

Papa Francesco a Milano: è il grande giorno

Subito dopo si recherà alle Case bianche di via Salomone-via Zama, dove incontra alcuni residenti. Presenti tra i fedeli due delle famiglie assegnatarie.

Prima tappa, le Case Bianche, una zona periferica piuttosto problematica dal punto di vista sociale. Dalle 8 e 40, per mezz'ora, il Papa, con il cardinale Scola, ha incontrato Dorotee (Dori) Falcone e Stefano (Lino) Pasquale, che hanno 57 e 59 anni e abitano al quarto piano del n. 38. Dalle fonti che abbiamo raccolto per il Sussidiario.net apprendiamo che il Santo Padre durante la visita al complesso di via Salomone questa mattina andrà a trovare personalmente in casa loro una famiglia di anziani, una famiglia con un figlio disabile dalla nascita, e infine un nucleo famigliare di immigrati. Papa Francesco ha tenuto un discorso di saluto, alla fine del quale ha baciato la stola che gli è stata donata.

Sarà una grande festa di preghiera, di colori, di danze, di musiche ma soprattutto una festa di fede, una festa di Chiesa.

Varesenews vorrà seguire l'importante avvenimento con i varesini che vivranno la giornata di incontro.

Vi ringrazio per la vostra accoglienza. È la premura, la sollecitudine della Chiesa, che non rimane nel centro ad aspettare, ma va incontro a tutti, nelle periferie, va incontro anche ai non cristiani, anche ai non credenti...; e porta a tutti Gesù, che è l'amore di Dio fatto carne, che dà senso alla nostra vita e la salva dal male. Molte persone giunte alle Case bianche per incontrare Francesco hanno sottolineato la grande umanità che il Papa trasmette quando li saluta uno per uno, instaurando sempre un rapporto diretto uno a uno. Prima di salire sulla Papamobile scoperta per raggiungere il Duomo, Francesco si è fermato per fare una fotografia con i carabinieri lì schierati per la sicurezza.

"Si e' svolto tutto nel migliore dei modi".

La visita papale qui non fa che ripercorrere una gloriosa tradizione-la cripta, infatti, dal 1600 si ricoprì di devozione illustre e ricchi doni: Duchi di Baviera vi lasciarono una corona, Maria Teresa D'Austria una Croce, e l'amato Papa Giovanni Paolo II, nell'84, il suo pallio che tuttora giace col corpo di San Carlo. Attesa poi una gran folla sia per la messa al Parco di Monza delle ore 14.15 circa, sia per l'incontro con i giovani allo Stadio Meazza alle ore 17.15.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.