Ricordo delle foibe: esule ringrazia Casapound, il sindaco lascia il Consiglio

Share

Ricordo delle foibe: esule ringrazia Casapound, il sindaco lascia il Consiglio

A quel punto il sindaco della Spezia, Massimo Federici, ha deciso di togliersi la fascia e abbandonare l'aula.

Il Giorno del Ricordo, ricorrenza istituita nel 2004 dal governo italiano in memoria delle vittime delle foibe, non sarà celebrato solo a livello istituzionale a Basovizza (dove sono attesi il sottosegretario agli Affari esteri Benedetto Della Vedova insieme ai leader della Lega Nord Matteo Salvini e di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni). Tra gli interventi previsti quello di Armenio Amorino, chiamato per raccontare la sua testimonianza da esule. Salito sul palco di sala Dante, ha concluso il suo discorso affermando che gli unici che ricordano e portano i fiori nella piazza cittadina dedicata alle foibe "sono quelli di Casapound". Sembra incredibile, ma purtroppo vero. "Se sono convintamente democratici -come dicono di essere- non potranno mancare ad un momento di coesione nazionale per ricordare gli orrendi crimini di cui si sono macchiati i partigiani titini contro le inermi popolazioni italiane di cui ancora troppo poco parlano i libri di scuola", conclude la nota.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.