La liquirizia in gravidanza fa male

Share

La liquirizia in gravidanza fa male

A stare attente alle quantità di liquirizia, quindi, devono essere anche le donne incinte, perché, secondo uno studio condotto all'Università di Helsinki, il consumo di grandi quantità può avere effetti nocivi a lungo termine sullo sviluppo del feto, e sarebbe correlato a problemi di memoria e a peggiori performance cognitive da adolescenti.

Liquirizia in gravidanza? Meglio evitare perché può avere effetti dannosi sul feto.

I risultati hanno evidenziato che i bambini nati da madri che avevano consumato molta liquirizia presentavano un quoziente intellettivo inferiore di almeno 7 punti rispetto ai figli di donne che non avevano fatto uso di questo alimento in gravidanza, e allo stesso modo i ricercatori hanno associato un uso maggiore di liquirizia in gravidanza con una maggiore difficoltà riscontrata nei bambini durante test cognitivi, come problemi di memoria e una maggiore incidenza di deficit da attenzione. Il responsabile di tali effetti negativi è un principio attivo, la glicirrizina, dolcificante naturale della liquirizia.

Durante lo studio sono stati presi in esame 378 giovanissimi, le cui madri hanno consumato un elevato quantitativo di liquirizia oppure una quantità prossima allo zero.

Secondo i ricecatori ciò dipenderebbe dalla glicirrizina che intensifica l'effetto dell'ormone dello stress cortisolo, andando a inibire l'enzima che lo inattiva. Nelle ragazze, inoltre, la pubertà iniziava prima per coloro nate da mamme a cui piaceva molto la liquirizia durante la gravidanza. Una parte di loro aveva avuto mamme che consumavano grandi quantità di liquirizia in gravidanza (oltre 500 mg di glicirrizzina a settimana che corrispondono in media a 250 g di liquirizia); un'altra parte mamme che ne consumavano poca (meno di 249 mg di glicirizzina a settimana) e la terza parte mamme che non ne consumavano.

I ricercatori finlandesi hanno comunque sottolineato di non poter determinare la quantità precisa di liquirizia che le donne in gravidanza possono consumare senza correre rischi, e del resto nei casi considerati potrebbero aver giocato un ruolo importante anche altri fattori che non sono stati considerati. L'OMS ha stabilito una soglia di sicurezza legata al consumo di liquirizia inferiore a 2 mg per ogni kg di peso corporeo ma non ha detto nulla sulle future mamme.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.