Che cosa è l'ALDE il Gruppo che ha rifiutato il M5S?

Share

Che cosa è l'ALDE il Gruppo che ha rifiutato il M5S?

Si chiude così prima di nascere la nuova alleanza al Parlamento europeo che proprio oggi i militanti del M5S avevano deciso di approvare su proposta di Beppe Grillo.

Sul blog di Grillo si legge che alla votazione hanno partecipato "40.654 iscritti certificati. Ci è stato comunicato che un eventuale ingresso del MoVimento 5 Stelle nel loro gruppo avrebbe infatti sbilanciato gli equilibri del gruppo stesso".

Una figuraccia per Grillo, che sarebbe semplicistico, però, spiegare come frutto di leggerezza politica o della sua inesperienza. Le dichiarazioni del leader di Ukip sembrano ventilare che dai liberali ed europeisti di Alde Grillo torni alle origini, contro la moneta unica. Ma che cosa c'entrerà mai il movimento delle scie chimiche e dei gomblotti pluto-massonici con gli alfieri internazionali del capitalismo allo stato brado?

"I recenti avvenimenti europei, come la Brexit, ci portano a ripensare alla natura del gruppo EFDD".

Ora i liberali europei sono in crisi di identità, seduti sugli scranni europarlamentari con fare malinconico nel ricordo di Ventotene e intimoriti dall'onda antieuropeista, lepenista, e chi più ne ha più ne metta, e inoltre marginalizzati dall'eterno ritorno dell'identica concorrenza-cooperazione tra socialisti e popolari. Secondo alcuni, quindi, il gruppo EFDD rimarrà in piedi per ragioni di convenienza.

Beppe Grillo ha subito reagito al rifiuto dell'Alde.

Ma non tutti pensano che sarà così facile ricucire la divisione.

I 5Stelle si trovano non solo divisi al loro interno, perché molti eurodeputati non hanno apprezzato la scelta di aderire al gruppo più europeista che ci sia in Ue, ma anche da soli.

L'accordo saltato con l'Alde prevedeva, tra i vari punti, l'appoggio del Movimento ai Guy Verhofstadt quale candidato al Parlamento europeo.

Tuttavia aderendo al gruppo dei Non iscritti, M5s rischia di perdere pressoché completamente la propria agibilità politica. Durissime le parole della vicesegretaria Debora Serracchiani: "Da Farage a Alde, da No a Sì euro: Grillo mobilita le folle del web come Benito a piazza Venezia".

I sacrifici economici significano rinunciare ai circa 680 mila euro l'anno che attualmente spettano al Movimento.

Anche il Movimento 5 Stelle si trova a dover affrontare dei cambiamenti. "Non nascondiamo anche - continuava il padre-padrone dei Cinque Stelle - un certo disagio rispetto all'utilizzo improprio di capitali delle Fondazioni (a cui noi abbiamo rinunciato e continueremo a rinunciare) da parte di alcuni colleghi di EFDD, in riferimento alle notizie pubblicate e da cui prendiamo le dovute distanze".

È l'alternativa al momento più difficile e improbabile. In realtà ha pesato la posizione della vicepresidente del gruppo, la francese Marielle de Sarnez, che ha parlato di "alleanza empia" e annunciato il voto contrario di tutti i parlamentari francesi e tedeschi (Corriere).

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.